Con il cerino in mano e pochi spazi di manovra.

Lo spettro della recessione si fa sempre più concreto anche in forza dell’indebolimento di tutta l’area economica europea e dei mutati scenari globali.

  

di Lamberto Colla Parma  24 febbraio 2019 –

Ormai è consolidato. Tutta l’area “euro” verrà investita da una nuova ondata di crisi che non risparmierà nemmeno gli USA e la Cina sta già mostrando segnali di indebolimento.

Per certi versi sembra di tornare indietro all’incubo del 2008 con una sostanziale e assai preoccupante differenza: la solidarietà internazionale che a 11 anni di distanza non v’è più!

Da un lato dell’oceano la politica economica di Trump alla sfida del mondo intero, dall’altra parte una (Dis)Unione Europea alla vigilia del rinnovo delle cariche, sempre più spaccata tra populisti e sovranisti, in preda agli spasmi di una Brexit più complicata del previsto da realizzarsi e una polarizzazione sociale che ha già manifestato i suoi primi effetti: democratici con la consegna della guida statale ai giallo verdi in Italia e molto meno tolleranti con la sfida, che settimanalmente si rinnova, da ormai 4 mesi, dei “Gilet Gialli” alla politica economica e sociale di Emmanuel Macron e della UE.

In uno scenario di così bassa cooperazione internazionale la nuova crisi che avanza potrebbe avere risultati ancor più catastrofici di quella del 2008 che in Italia non è ancora stata digerita.

L’Italia, infatti, ha cominciato solo nel 2014-2015 a rialzarsi dalla batosta  dei mutui Subprime, l’origine di tutti i mali del 2008, molto più tardi rispetto le altre nazioni occidentali e dell’UE, e per di più con una reazione molto più debole non avendo, i Governi tecnici e “Dem”, optato per alcuna azione di contrasto salvo adottare una politica difensiva tutta basata sull’Austerity e sugli effetti benefici di riflesso dalla politica finanziaria di Mario Draghi (Quantitative Easing QE), scaduta proprio quest’anno, e  favoriti da una congiuntura economica molto positiva che aveva visto il prezzo del petrolio e dell’energia ai minimi storici (anche sotti i 45$/bar per il WTI).

Ebbene, in uno scenario così positivo l’Italia dei Governi Monti, Letta, Renzi & C. è stata capace solo di traguardare di poco l’1% del PIL contro il 3% bene o male ottenuto dagli altri Paesi con i quali dobbiamo confrontarci nell’olimpo dell’economia mondiale.

Era perciò inevitabile che, al primo soffio di crisi, la recessione si sarebbe ripresentata ancora una volta alla porta. A maggior ragione, e bussando con insistenza, se a essere colpiti sono anche Germania (il cui indice di fiducia del comparto industriale è crollato al 50%), gli stessi Stati Uniti (prevista una recessione entro due anni) e con la spada di Damocle derivante dagli effetti della Brexit.

In un quadro economico e sociale così “astratto” e di difficile interpretazione,  le opposizioni, quelle stesse forze politiche che in 10 anni non sono state in grado di ottenere un punto percentuale meritato di PIL, imputano al Governo Lega-M5S, la responsabilità di una probabile recessione che, almeno a livello temporale, non può essere a loro assegnata.

Un becco di ferro impressionante a dimostrazione di un tasso di reputazione tendente al segno “meno”.

Un atteggiamento che favorisce solo gli avvoltoi che stanno svolazzando sull’europa e che in Italia hanno già banchettato abbastanza ma pronti a fare un altro giretto in mensa.

Quindi loro, i puri “dem”, sono gli artefici di una ripresa molto tardiva, molto limitata negli effetti e soprattutto responsabili della mancata messa in sicurezza del Paese, contribuendo a offrire il fianco a una nuova crisi e al peggior incubo recessivo..

Ebbene, da costoro meglio stare lontani per sempre. Meglio lasciarsi guidare da degli incapaci di buona volontà che presto o tardi ci azzeccheranno piuttosto che da dei “killer seriali” dell’economia, come lo sono stati  i loro predecessori

Purtroppo ora il cerino acceso è rimasto in mano ai giallo verdi e a noi l’onere di bruciarci le dita.

Ricordiamoci che quel poco di buono che si è realizzato in questi ultimi anni lo si deve prevalentemente alla caparbietà e coraggio dei nostri piccoli e medi imprenditori e ai sacrifici dei loro collaboratori.

Costoro sono stati i veri eroi di questa “guerra mondiale” combattuta a tavolino con generali dai colletti bianchi ma con morti, tantissimi, veri e spesso suicidi.

Meditate, gente, meditate!

(Per restare sempre informati sugli editoriali)

Torna su