Piano di Sviluppo Rurale: arriva il decreto del Ministero che premia i progetti sul risparmio idrico dell’Emilia Centrale

Risparmio di risorsa fino a 4 milioni di metri cubi e interventi della rete nei comuni di Reggio Emilia, Poviglio, Novellara, Cadelbosco Sopra, Correggio Carpi e Soliera.

Reggio Emilia – 29 Marzo 2019 – Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari Forestali  e del Turismo ha pubblicato il decreto governativo per l’approvazione della graduatoria definitiva  delle domande di finanziamento presentate nell’ambito del Piano Nazionale di Sviluppo Rurale per le infrastrutture irrigue e il Consorzio dell’Emilia Centrale si è visto riconoscere un importo assai rilevante volto al risparmio dell’acqua grazie ad una sempre più efficiente gestione della risorsa.

I progetti, coordinati dall’ingegner Pietro Torri e realizzati internamente ad opera dello staff tecnico del Consorzio, hanno guadagnato un alto punteggio dalle commissioni giudicanti che hanno premiato 19 enti in tutto il paese.

All’Emilia Centrale toccheranno 20 milioni di euro (19.999312) e saranno impiegati in opere mirate per l’adeguamento della rete di distribuzione consortile e dei relativi sistemi irrigui nei Comuni di Poviglio (4.201.835euro) canale Godezza, Comune di Reggio Emilia (4.860.986) canale di Sesso, Comune di Novellara e Comune di Cadelbosco di Sopra (1.979.388) canale Santa Maria, Comune di Correggio (3.347.329) canale Fornacelle, Comune di Carpi e Comune di Soliera (5.609.773) canale Soliera Basso. “I cambiamenti climatici stanno creando notevoli criticità e la carenza di risorsa causa danni soprattutto al comparto agricolo – ha commentato il presidente dell’Emilia Centrale Matteo Catellani – così per risparmiare risorsa serve una capacità forte di progettare e il nostro Consorzio si è distinto ed è stato premiato per il bene del territorio che serviamo”.

E in un momento come quello che stiamo vivendo in cui l’acqua, bene primario, appare quasi per la prima volta “risorsa esauribile” questi interventi capillari sulla rete genereranno un risparmio di circa 4 milioni di metri cubi : una quantità non certo sottovalutabile.

Torna su