70 anni della NATO festeggiati in sordina.

I 70 anni della NATO declassati da Trump a incontro tra ministri degli esteri. Come è cambiato il mondo in questi ultimi 20 anni. Nel 1999 c’erano i capi di stato e di Governo e per noi un Massimo D’Alema con i baffi neri.

di Lamberto Colla Parma  7 aprile 2019 –

Non c’è che dire, gli scenari geopolitici si sono talmente modificati nell’ultimo ventennio da mettere in dubbio persino la sopravvivenza della Alleanza Atlantica che lo scorso 4 aprile avrebbe dovuto festeggia, in pompa magna, i 70 anni.

L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (North Atlantic Treaty Organization – NATO) è quell’organizzazione internazionale di difesa, di cui fanno parte 30 Paesi, che venne istituita nell’immediato dopoguerra (4 aprile 1949) per la difesa dei Paesi membri dall’aggressione esterna.

Un po’ di storia

Il Patto Atlantico ha avuto origine dalla percezione che il mondo occidentale, da poco uscito dalla crisi della seconda guerra mondiale, iniziasse ad avere frizioni e contrasti con l’altro vincitore dell’ultimo conflitto mondiale, la Unione Sovietica e i suoi Paesi satelliti.

Iniziava a diffondersi l’idea che l’Unione Sovietica, non paga della suddivisione territoriale post bellica, intendesse “conquistare” il mondo con la ideologia comunista. Una campagna di sensibilizzazione ben orchestrata dagli USA che in breve divenne un punto fondamentale della opinione pubblica.

I tre corridoi di soccorso – ponti aerei con Berlino

La Guerra Fredda iniziava quindi a mostrare i primi segnali di tensione che sfociarono con l’assedio di Berlino a opera dell’Unione Sovietica il 24 giugno 1948 tanto da indurre gli alleati a istituire il più grande intervento di soccorso a una popolazione, istituendo un ponte aereo con Berlino durato ben 462 giorni.   All’apice dell’operazione vennero effettuati oltre 1300 voli al giorno su Berlino trasportando ogni tipo di genere, dall’alimentare al carbone da riscaldamento. Infine l’Unione Sovietica tolse l’assedio il 12 maggio 1949 ma l’operazione di soccorso continuò sino a settembre al fine di organizzare sufficienti scorte per la popolazione utili a sostenere un eventuale secondo blocco che Mosca avesse voluto istituire.

La vicenda dell’assedio” a Berlino Ovest, fu dirompente per l’opinione pubblica occidentale e favorì la decisione di istituire un’Alleanza del mondo occidentale contro minaccia sovietica.

Il concetto unificatore di questa nuova “Alleanza” era quello della “difesa collettiva”, riportato nell’art. 5, che recita: “Le parti concordano che un attacco armato contro una o più di esse, in Europa o in America Settentrionale, deve essere considerato come un attacco contro tutte e di conseguenza concordano che, se tale attacco armato avviene, ognuna di esse, in esercizio del diritto di autodifesa individuale o collettiva, riconosciuto dall’articolo 51 dello Statuto delle Nazioni Unite assisterà la parte o le parti attaccate prendendo immediatamente, individualmente o in concerto con le altre parti, tutte le azioni che ritiene necessarie, incluso l’uso della forza armata, per ripristinare e mantenere la sicurezza dell’area Nord Atlantica”.

Il 6 maggio 1955, all’indomani dell’ingresso della Germania Ovest all’interno della NATO, venne ufficializzata la costituzione del Patto di Varsavia (alleanza tra gli Stati “amici” dell’Unione Sovietica), concepito e sottoscritto nel 1950 da Nikita Chruščëv  in contrapposizione alla costituzione del Patto Atlantico.

Quel 6 maggio 1955 segnò una nuova era in grado di tenere in scacco il mondo intero ben nota come “Guerra Fredda” e il Muro di Berlino (13 agosto 1961 – 9 novembre 1989) ne fu il simbolo per eccellenza.

Con la caduta del Muro di Berlino però ,le mire “espansionistiche” della Nato si fecero sempre più imprudenti nel tentativo, peraltro riuscito, di attrarre a sé i Paesi che erano della ex URSS sino a quando non arrivò a infastidire troppo lo “zar” Putin con l’annessione dell’Ucraina (La NATO era tropo vicina ia confini russi) e la conseguente reazione nei confronti dell’Ucraina stessa per la restituzione della Crimea alla Russia.

Conclusione

Crollate le iniziali motivazioni che istituirono la contrapposizione est/ovest, con la salita al potere economico internazionale della Cina e ancor prima della Russia stessa, e dopo la primavera araba che ha dato vita all’ISIS e a un terrorismo internazionale “terzo” rispetto a i due tradizionali fronti, ecco che la stessa NATO sta per essere messa in discussione.

E le celebrazioni in totale sordina del 70esimo ne sono la conferma. Ben diverso il clima del 50esimo (4 aprile 1999) anniversario quando a Washington si riversarono tutti i primi ministri o capi di stato dell’alleanza, oggi invece “declassato” a vertice tra ministri degli esteri.

Dall’UE alla NATO è in corso un processo di revisione epocale che coinvolge tutto il mondo occidentale. Il sospetto però è che la qualità delle menti non sia paragonabile con quelle di 70 anni fa.

Leggi anche

https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/14092-verso-il-disordine-universale.html
https://www.gazzettadellemilia.it/cronaca/item/10158-russia,-venti-guerra,-non-solo-fredda.html

Clicca qui per leggere gli altri editoriali

Torna su