25 aprile, una ricorrenza importante sulla quale meditare.

Il 25 aprile, oltre a rappresentare il giorno della “liberazione”, è anche  il confine di una nuova era, quella che apre alla democrazia

e che condurrà, 13 anni dopo, al trattato di Roma e all’avvio di quella che  avrebbe dovuto diventare la casa di tutti gli europei: L’Unione Europea, appunto.

di Lamberto Colla Parma 25 aprile 2019 –

“Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.”

(Sandro Pertini proclama lo sciopero generale, Milano, 25 aprile 1945)

La ricorrenza, questa è la 74esima, della liberazione d’Italia, anche chiamata festa della Liberazione, o semplicemente 25 aprile, è un giorno fondamentale per la storia d’Italia.

Con il 25 aprile si commemora la conclusione della  vittoriosa lotta di resistenza militare e politica, attuata dalle forze partigiane, durante la seconda guerra mondiale a partire dall’8 settembre 1943, contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e l’occupazione nazista.

E’ il confine di una nuova era, quella che apre alla democrazia e che condurrà, 13 anni dopo, al trattato di Roma e all’avvio di quella che  avrebbe dovuto diventare la casa di tutti gli europei: L’Unione Europea, appunto.

Quei popoli che, sino a pochi anni prima,  si erano fronteggiati lasciando sui campi di battaglia milioni di cadaveri, guidati da lungimiranti e saggi politici, hanno messo le radici per una pace duratura.

Sembra che di tutto questo processo non sia rimasto nulla. L’Europa è pronta a dissolversi e il tasso di litigiosità tra i Paesi si è nuovamente e pericolosamente alzato.

Non ci riesce a leggere e a interpretare quale sia la “vision” degli attuali politici, cosa intendono raggiungere, anche in termini di valori, per i propri paesi e per l’Unione Europea.

Nemmeno alla vigilia delle elezioni europee vi è qualche forza politica che si esprima sui programmi di lungo ma nemmeno di breve termine.

Anche la politica, come i nuovi media, si consuma nel brevissimo e si veicola sulle emozioni istantanee.

Nulla, almeno apparentemente, è meditato ma tutto viene infiammato attraverso slogan o “cinguettii” dove all’azione deve corrispondere una immediata reazione, anch’essa assolutamente non meditata ma frutto delle emozioni riflesse e indotte.

Ecco perché sarebbe opportuno fermarsi a meditare sui valori e su coloro che hanno dato la vita per ideali e per la libertà che stiamo, giorno dopo giorno, consumando.

Ecco perché val la pena di tornare a ragionare e di non buttar in vacca i tanti sacrifici di interi popoli.

Ecco perché le parole hanno la loro importanza e etichettare, come troppo frequentemente accade, “fascista” chi non la pensa nello stesso modo vuol dire portare la dialettica politica allo scontro e non al confronto e gli atteggiamenti degli attori passare da quelli tipici degli avversari politici a “nemici” giustificando, perciò, anche gli atti di  violenza “giustizialista”.

Tutto questo sta portando all’imbarbarimento della società e non si creda che questo sia una conseguenza di facebook o twitter, come in molti stanno cercando di far credere, bensì una conseguenza dell’uso dei mezzi con linguaggi inappropriati

Pensiamo bene se vogliamo essere ancora liberi o no.

Di sinistra o destra, il concetto di libertà deve essere il medesimo e si riassume nel rispetto della persona anche quando è un avversario politico.

Buon 25 aprile 2019!

(FOTO: In copertina sfilata di carri partigiani a Bologna e all’interno la sfilata dei partigiani a Milano)

Torna su