Elezioni europee 2019 – I programmi, questi sconosciuti

Manca una settimana alle elezioni Europee e ancora non si è assistito a un dibattito politico o a un intervento di qualche candidato o leader di partito esprimersi sul programma  e gli obiettivi primari del suo prossimo mandato.

di Lamberto Colla Parma  19 maggio 2019 –

Delle elezioni europee sembra che non interessi a alcuno. Non un intervento programmatico, non un dibattito aperto tra le forze del Paese e i loro esponenti che andranno a rappresentarci nel contesto parlamentare che maggiormente sta influenzando la nostra vita. Quel Parlamento Europeo che sarà incaricato di esprime i componenti della Commissione Europea che, come abbiamo imparato a conoscere, può decidere le sorti di un Paese e delle vite dei suoi sudditi.

Niente!

Solo le solite schermaglie, sempre più intense man mano che ci si avvicina alla data del 26 maggio, nelle quali si sottolinea quello che gli altri non fanno e che avrebbero dovuto fare ma nulla su quello che il partito “criticone” di turno potrebbe fare.

Una campagna elettorale tutta impostata sulla emotività dei suoi prossimi elettori alla quale si aggiunge, come ormai è consuetudine, una mitragliata di arresti politici che, inevitabilmente, faranno propendere la bilancia verso un partito piuttosto che un altro. Una entrata a gamba tesa sulla politica italiana che ci auguriamo sia motivata e non la “sòla” mediatica, alla quale ormai ci siamo abituati, per sgambettare il partito avverso.

Di questo delicato quanto pericoloso utilizzo della “giustizia” ne avevamo parlato giustappunto la scorsa settimana in occasione del caso Siri e a meno di 5 giorni ecco emergere l’inchiesta di Legnano, la “tangentopoli 2”, come l’ha definita Luigi di Maio, sempre più aggressivo verso il suo collega di Governo. L’antipasto però era già stato servito la settimana precedente con l’inchiesta che vedeva coinvolto il Governatore della Lombardia, Attilio Fontana, per un incarico dato a un suo ex collaboratore di studio.

Staremo a vedere come si evolveranno queste elezioni e, nel caso qualcuno volesse soddisfare la propria curiosità sugli schieramenti e i punti essenziali dei diversi programmi, possiamo suggerire la lettura di alcuni articoli, pubblicati da “media minori”, che hanno il pregio di sintetizzare e divulgare le diverse posizioni e l’appartenenza dei nostri partiti ai gruppi europei.

Link suggeriti:

1 – LENIUS.IT https://www.lenius.it/programmi-elezioni-europee-2019/

2  – FANPAGE.IT https://www.fanpage.it/elezioni-europee-2019-programmi/

Quindi buona lettura e soprattutto Buon Voto, che sia il più consapevole e il meno “di pancia” possibile.

Elezioni europee 2019 – Come si vota in Italia

Le urne saranno aperte domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7 alle ore 23. Ai fini delle votazioni, l’Italia viene divisa in cinque circoscrizioni elettorali: nord-occidentale (circ. I), nord-orientale (circ. II), centrale (circ. III), meridionale (circ. IV), insulare (circ. V).

Recandovi al seggio riceverete una scheda, di colore diverso a seconda della circoscrizione elettorale nelle cui liste siete iscritti:

– grigio, per l’Italia nord-occidentale (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia)

– marrone, per l’Italia nord-orientale (Veneto, Trentino-Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna)

– fucsia, per l’Italia centrale (Toscana, Umbria, Marche, Lazio)

– arancione, per l’Italia meridionale (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria)

– rosa, per l’Italia insulare (Sicilia, Sardegna).

 

Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa che vi verrà consegnata al seggio, un segno X sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta.

E’ possibile (non obbligatorio) esprimere da uno a tre voti di preferenza per candidati compresi nella lista votata.

ATTENZIONE! Nel caso di più preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda e della terza preferenza.

Mentre un solo voto di preferenza può essere espresso per un candidato delle liste rappresentative delle minoranze di lingua francese della Valle d’Aosta, di lingua tedesca della provincia di Bolzano o di lingua slovena del Friuli Venezia Giulia, che sia collegata ad altra lista presente in tutte le circoscrizioni nazionali.

I voti si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.

Queste informazioni saranno disponibili sui tabelloni affissi nei seggi elettorali e sono consultabili sul sito del Ministero dell’Interno.

(Clicca qui per leggere gli altri editoriali)

20050523 – BRUXELLES – ECO – EUROSTAT: ITALIA, DEFICIT 2003 E 2004 RIALZATO AL 3,1. Eurostat ha rivisto al rialzo, portandolo al 3,1%, il rapporto deficit-pil italiano sia per il 2003 che il 2004. A meta’ marzo l’Italia aveva notificato invece un deficit pari al 2,9% del pil nel 2003 e al 3,0% nel 2004, che
l’Ufficio statistico europeo non aveva convalidato. ARCHIVIO – ARNE DEDERT- ANSA-CD

Torna su