“L’Anguria Reggiana Igp ha sconfitto gli effetti dei cambiamenti climatici”

Firmato un protocollo tra l’associazione dei produttori e Confesercenti per la valorizzazione. E presto nascerà  un Consorzio. Il plauso di Cia-Reggio

“L’anguria reggiana Igp è più forte dei cambiamenti climatici. E con il protocollo firmato nelle scorse ore con Confesercenti sarà sempre più presente nei negozi. Il futuro? Stiamo lavorando per trasformare l’associazione dei produttori in un Consorzio”. Parole di Mauro Torelli (socio Cia), titolare dell’azienda agricola di Campagnola e tra i maggiori produttori del frutto d’eccellenza del nostro territorio.

 

“Nel 2018 nell’area di produzione sono stati prodotti oltre 100mila quintali di angurie, di cui ben 10mila ‘marchiate’ con il simbolo Igp: sono state coltivate dalle 14 aziende agricole che compongono l’Apar (Associazione produttori Anguria Reggiana) – inizia a spiegare Torelli -. Il maggio freddo e piovoso appena trascorso ci ha causato qualche problema ma noi agricoltori ci siamo ormai attrezzati per fronteggiare ogni tipo di evenienza. Ad, esempio creando ambienti specifici per anticipare e migliorare la qualità delle produzioni. E questo mutando la forma, lunghezza e orientamento delle serre. Ma anche utilizzando diversi impasti e colori delle coperture per migliorare le condizioni in cui crescono le angurie. In questo modo abbiamo combattuto e sconfitto le conseguenze dei cambiamenti climatici. Siamo fiduciosi: il caldo di questi giorni sta già facendo decollare le richieste”.

 

L’Anguria Reggiana Igp viene coltivata rispettando l’ambiente. Come da disciplinare, viene raccolta al mattino, quando i frutti hanno beneficiato del fresco notturno e la temperatura è adatta alla conservazione. I frutti, prima di arrivare alle tavole dei consumatori, sono stoccati in ambiente ombreggiato e fresco, mai troppo freddo. La sostenibilità delle tecniche agronomiche guarda al futuro nel pieno rispetto della tradizione con una coltivazione in campo, in tunnel o in serra fredda con coperture rimovibili. Regola imprescindibile è l’impollinazione entomofila, ovvero con il naturale trasporto di polline da parte degli insetti. L’irrigazione avviene in base all’andamento climatico e al fabbisogno della pianta. Idem per la fertilizzazione, effettuata secondo la necessità della pianta e in relazione alla presenza di minerali nel terreno.

 

Martedì sera nella sede di Cescot a Reggio si è tenuto – alla presenza, tra gli altri di Alberto Ventura (Regione) e Gloria Minarelli (curatrice del disciplinare di produzione) – un importante incontro di Apar nel quale è stato presentato il recente protocollo d’intesa sperimentale di filiera tra i produttori dell’associazione e commercianti al dettaglio di Confesercenti, teso a valorizzare l’Anguria Reggiana Igp e la rete di imprese che la promuovono.

 

“Una filiera verticale che non può che trovare il nostro consenso e totale appoggio”, commentano da Cia Reggio. Torelli definisce il protocollo “un fondamentale passo per la piena valorizzazione di un prodotto che ha forti radici nella nostra storia e nei terreni vocati della bassa reggiana dove, fattori climatici e ambientali particolarmente favorevoli, un’esperienza secolare e pratiche colturali sostenibili danno origine a un frutto dalle caratteristiche uniche e irripetibili. E già nel 1931 il Touring Club parlava delle località dove viene attualmente coltivata come ‘area di produzione del cocomero e meloni zuccherini’. Ora vogliamo portare questa eccellenza nel futuro”.

 

Un futuro che, come annunciato nel corso dell’incontro, passerà nei prossimi mesi dalla trasformazione dell’associazione in un Consorzio di produttori.

Torna su