Il Consorzio di Bonifica si prepara alla stagione irrigua

Piacenza, 15 giugno 2019 – Il reticolo idraulico destinato all’irrigazione è pronto alla distribuzione della risorsa e Il sistema di telecontrollo degli impianti è stato efficientato.

“Mediamente, ogni anno, distribuiamo 85 milioni di metri cubi di acqua contribuendo ad un valore della produzione agricola (fatturato) della provincia di Piacenza di circa 512 milioni di euro con un indotto generato di 5 volte” commenta Fausto Zermani Presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza.

Il Consorzio di Bonifica di Piacenza opera in 46 comuni dalla provincia di Piacenza su un’estensione territoriale di circa 260.000 ettari. Ad essere attrezzati sono circa 44.200 ettari di cui 25.000 quelli irrigati da risorsa distribuita dal Consorzio.

Lo schema irriguo gestito dall’Ente è strutturato in tre diversi distretti in base alle fonti di approvvigionamento:

  • Trebbia con prese fluenti a gravità;
  • Tidone con invaso artificiale (diga del Molato) e sollevamento meccanico (impianto idrovoro di sollevamento di Pievetta);
  • Arda con invaso artificiale (diga di Mignano) e con presa da acque fluente sollevata meccanicamente da Po (impianto idrovoro di sollevamento San Nazzaro);

 

DISTRETTO IRRIGUO DEL TREBBIA

Ad oggi, per la stagione irrigua 2019, il Consorzio ha completato gli interventi di manutenzione dei canali e, rispetto agli altri anni, lo ha fatto esclusivamente con personale e mezzi dell’Ente. Completati anche gli interventi di arginatura per la derivazione dell’acqua in Trebbia sui rivi comuni di destra e sinistra e in fase di realizzo quelli per il Rivo Villano. Infine implementato il sistema di telecontrollo che gestisce gli impianti dell’area: ora il sistema in uso permette di avere un’unica piattaforma che gestisce le infrastrutture di difesa idraulica (Finarda, Armalunga, Scovalasino, Fossadello, Zerbio e la cassa di espansione della Farnesiana) e di irrigazione (destra e sinistra Trebbia).

“L’acqua è presente nel reticolo dei rivi comuni di destra e sinistra da inizio primavera; di questo a trarne beneficio sono le falde, la flora, la fauna e l’esaltazione della biodiversità. Grazie all’efficientamento del sistema di telecontrollo il Consorzio riuscirà ad essere più tempestivo sia nella gestione ordinaria che in emergenza. Per quanto riguarda Sant’Agata il Consorzio è impegnato e determinato a proporre nuove soluzioni che riportino l’attingimento dell’acqua a quelle che sono le condizioni storiche nel pieno rispetto delle normative ambientali e del DMV” Commenta Fausto Zermani.

 

La rete irrigua è alimentate a gravità. Sono presenti canali a cielo aperto, canali chiusi e canali in galleria. Sant’Agata, Cà Buschi e La Caminata sono le opere di derivazione che convogliano l’acqua del torrente Trebbia ad uso irriguo attraverso tre adduttori principali: Rio Villano, Rio Comune di destra e Rio Comune di sinistra da cui si dipartono rispettivamente: 5, 24 e 15 canali secondari.

 

DISTRETTO IRRIGUO DEL TIDONE

“La preparazione dei canali in vista della prossima stagione è circa al 90%. La manutenzione è stata effettuata sia con mezzi propri che di terzi ma una parte maggiore, rispetto agli altri anni, è gestita internamente. Per quanto riguarda il telecontrollo: tutta l’interconnessione di valle, sia di bonifica che di irrigazione, è gestita da remoto. La parte di monte ha un sistema a sé” commenta Fausto Zermani.

 

La zona irrigua dell’area Tidone si estende dalla diga del Molato (7,6 milioni di metri mc la capacità di invaso autorizzata) sino al fiume Po e utilizza una fitta rete di canali di distribuzione delle acque composta da canali in terra e da condotte in ghisa, PVC ed acciaio.

Il reticolo è costituito da una rete di canali promiscui di 450 km posti nella Val Tidone e circa 200 km nell’area in sinistra Trebbia.

il comparto irriguo comprende due principali impianti:

  • la condotta “Agazzano-Battibò” che ha origine nel Comune di Pianello Val Tidone, lungo il torrente Tidone, dove è presente una vasca di carico.
  • l’impianto di sollevamento “Pievetta”, in Comune di Castel San Giovanni, che preleva le acque dal Po e le rilancia, mediante altri tre impianti di sollevamento fino ai territori di Castelnuovo in Comune di Borgonovo Val Tidone.

I tre impianti di sollevamento sono, a partire da “Pievetta”: “Caramello” in Comune di Castel San Giovanni; “RDB” in Comune di Borgonovo Val Tidone e “Bruso” in Comune di Borgonovo Val Tidone.

 

DISTRETTO IRRIGUO DELL’ARDA

“La preparazione all’irrigazione è quasi completata. Tanti gli interventi effettuati anche fuori dalla manutenzione annualmente eseguita in questo periodo: dalla posa di tratti di tubazione al controllo capillare della rete per efficientare la distribuzione, dal rinnovamento di manufatti a interventi di ripristino della canalizzazione per arrivare al miglioramento del sistema di telecontrollo delle infrastrutture presenti nella bassa pianura Arda” commenta Fausto Zermani

 

Nel distretto Arda ci sono 2 sistemi irrigui, uno sotteso alla diga di Mignano e l’altro denominato Arda Po.

La zona irrigua sottesa alla diga di Mignano ha una superficie complessiva di 15.392 ettari per una superficie attrezzata di 13.433 ettari, mentre gli ettari effettivamente irrigati sono circa. 4.000. L’approvvigionamento della risorsa irrigua è assicurato dalla diga di Mignano e da pozzi consortili. L’acqua dalla diga di Mignano viene rilasciata nel Torrente Arda fino alla traversa di Castell’Arquato dove viene intercettata ed immessa nei due canali principali ubicati uno in destra Arda (Principale di destra) ed uno in sinistra Arda (Canale Sforzesco).

Nella zona irrigua denominata Arda Po le acque vengono prelevate dal fiume Po, in località Scazzola di San Nazzaro in comune di Monticelli d’Ongina, e pompate attraverso un tratto di tubazione, che supera l’argine maestro, nel cavo valle per poi essere distribuite nella rete di canali promiscui.

Torna su