Più popolare di lui, solo George Washington

Chissà se George Washington, con il quale Trump dichiara di condividere il medesimo tasso di popolarità, utilizzasse Twitter alla pari del miliardario presidente. Con “manteniamo grande l’america, Trump ha dato il via alla nuova campagna elettorale. 

di Lamberto Colla Parma  23 giugno 2019 –

Donald Trump ha avviato ufficialmente la campagna elettorale per la conquista di un secondo mandato presidenziale, con la stessa veemenza che l’ha contraddistinto nella prima e nel corso del suo primo esercizio presidenziale.

Keep America Great.

Manteniamo grande l’America è il nuovo slogan con il quale il tycoon statunitense ha marchiato la campagna elettorale 2020 a sottolineare come con lui gli Stati Uniti siano tornati grandi e rispettati nel mondo.

E da questo punto di vista non si può certamente smentire. In Politica estera gli USA sono tornati prepotentemente alla ribalta in ogni questione e in modo molto diretto da parte dello stesso presidente. In modo molto provocatorio con dichiarazioni spesso ben poco diplomatiche, Donald Trump è intervenuto a gamba tesa in ogni situazione delicata in ogni angolo della terra, dalla questione coreana al caos diplomatico europeo, prendendo di petto la politica espansionistica cinese piuttosto che la questione mediorientale e l’avversario iraniano accusato di essere lo Stato destabilizzatore dell’area.

Però, a ben osservare, a differenza dei suoi predecessori, a fronte di toni infuocati, non ha fatto sparare un solo proiettile, al massimo ha fatto fare qualche gretto alle sue portaerei ma null’altro.

E non è cosa di poco conto per un capo di stato considerato un guerrafondaio irresponsabile e dipinto dai suoi detrattori e dalla maggior parte dei media un soggetto inaffidabile.

 

Non fece in tempo a “salire in cattedra” che subito i poteri forti e tradizionali statunitensi si scateenarono contro di lui cercando di minare dalla base la sua presidenza. Il potente procuratore generale , forte della complicità del capo dell’FBI al quale a più riprese si affiancarono altri dello stesso staff presidenziale, non riuscì a portare a conclusione le accuse. Lo scorso marzo, in una infrmativa al Congresso americano, il ministro della Giustizia Usa, William Barr e il suo vice, Rod Rosenstein,hanno scritto che il procuratore speciale, Robert Mueller, non ha trovato prove di cospirazione di Donald Trump e del suo staff con la Russia per interferire sulle presidenziali del 2016. Non sono state inoltre riscontrate prove sufficienti per incriminare il presidente per ostruzione della giustizia, ma l’inchiesta “neanche lo esonera”.

Con quella ultima frase sibillina i detrattori di Trump si sono lasciati aperti la porta per proseguire nell’opera di demonizzazione del Presidente e contrastare la avanzata a un secondo mandato presidenziale.

 

La popolarità di Trump in effetti è sempre stata elevatissima, popolare nella vasta periferia degli USA, il miliardario è invece osteggiato nei “palazzi” nei grandi centri urbani. Per ora il popolo ha vinto e il tycoon l’ha premiato portando la disoccupazione al valore più basso della storia economica a stelle e strisce.

 

Così come George Washington, con il quale divide la popolarità, sconfisse gli inglesi, Donald Trump vuol sconfiggere i suoi oppositori interni e i tre quarti del mondo. Certo, che con tutto quello che ha subito in questi primi tre anni di presidenza, avere ancora tanto entusiasmo fa pensare che sia “pazzo” o al contrario molto più intelligente e forte di quanto cerchino di farci credere.

 

(Clicca qui per leggere gli altri editoriali)

Torna su