Tempi di svolta

di Mario Vacca 23 giugno 2019 – Il Nuovo istituto delle procedure di allerta può costituire l’occasione per introdurre una vera cultura imprenditoriale volta a valorizzare il ruolo dell’imprenditore e dei suoi manager.

Il codice della crisi d’impresa oltre a disciplinare e migliorare  istituti già esistenti tenta di prevenire  le condizioni su cui si fonda la crisi e l’insolvenza individuando nelle procedure di allerta e nella composizione degli OCRI (Organismo di composizione della crisi d’impresa) la soluzione ideale, situazione che nella realtà modifica articoli del codice civile.

Il legislatore da individuato dei parametri per capire quando l’impresa è in crisi ed obbliga l’impresa ad assumere idonei modelli organizzativi con adeguati sistemi di controllo. Le procedure di allerta sono finalizzate all’emersione anticipata della crisi e salvaguardare la continuità aziendale. Si chiede all’imprenditore di non aspettare il momento nel quale ci sarà l’insolvenza nel tentativo di diminuire le simulazioni di una continuità che non esiste, chiarendo una volta per tutte che la crescita di fatturato non finanziato è l’anticamera dell’inferno.

Il legislatore ha demandato al consiglio nazionale dei dottori commercialisti l’individuazione degli indici generali che ogni impresa dovrà adottare ma ha previsto già delle valvole di sicurezza per evitare indicatori troppo rigidi, consentendo alle imprese di elaborare indici personalizzati attestati da un professionista, inserendo le giustificazioni in nota integrativa. Ha anche individuato alcune categorie di imprese che necessitano di indici particolari (startup innovative, società in liquidazione, società costituite da meno di due anni, Pmi innovative). Tutti  individuati entro dicembre 2019 ed inseriti nella nota integrativa del bilancio al 31/12/2019.

In pratica i sistemi introducono aspetti organizzativi ed operativi. I primi risponderebbero alla domanda  di cosa deve fare l’imprenditore per organizzare adeguatamente l’impresa e quindi tentare  di fare un auto analisi per comprendere come organizzare al meglio attività di gestione, mentre   l’aspetto di tipo operativo sarebbe dotarsi di un sistema di rilevazione del rischio crisi con l’utilizzo di indicatori che andranno ad analizzare  squilibri di carattere reddituale, patrimoniale o finanziario al fine di evidenziare la sostenibilità dei debiti per almeno i sei mesi successivi e quindi delle prospettive di continuità aziendale. Gli indicatori dovranno  sicuramente tener presente anche aspetti qualitativi come l’onorabilità dei vertici, il settore in cui opera l’azienda, presenza o meno di incentivi pubblici, etc ed andranno letti in senso negativo, ovvero evidenziando l’impossibilità di una continuità.

La norma detta le disposizioni di modalità organizzative e di composizione dell’organismo (OCRI) volto  a gestire le procedure di allerta e le modalità di individuazione dei parametri tesi ad individuare l’insorgere della situazione di crisi. Ai sensi dell’Art. 19 del codice il debitore può formulare Istanza all’OCRI – segnalazione che può pervenire anche dagli organi di controllo societari (sindaci o revisori) o da creditori pubblici qualificati – affinché  l’Organismo fissi un termine non superiore a tre mesi – prorogabile fino ad un massimo di ulteriori tre mesi solo in caso di positivi riscontri delle trattative – per la ricerca di una soluzione concordata della crisi d’impresa, incaricando il relatore di seguire le trattative. I creditori hanno il dovere di collaborare lealmente con il debitore e con i soggetti preposti alle procedure di allerta e composizione assistita della crisi e di rispettare gli obblighi di riservatezza sulla situazione del debitore e sulle iniziative assunte .

Il legislatore ha posto l’accento sulla  riservatezza in quanto da più parti ci si è resi conto che una delle cause per cui l’emersione della crisi non è tempestiva e si evidenzia quando ormai è troppo tardi è la  paura dell’imprenditore nel pubblicizzare la condizione dell’azienda  a clienti e competitors   con le conseguenza che tali esternazioni potrebbero comportare a livello di credibilità.

Gli strumenti di allerta e le procedure di composizione della crisi devono diventare l’occasione per lo sviluppo di una cultura volta ad una maggiore responsabilizzazione di tutti gli attori coinvolti nella vita aziendale, dall’imprenditore alle banche passando per i  creditori onde valorizzare la natura negoziale di questi processi, introducendo efficienza e rapidità indotta da capacità decisionale fatta di competenza e professionalità.

A questo fine si ritiene che divenga centrale il ruolo di professionisti esperti nel controllo di gestione e nella risoluzione di crisi d’impresa che affianchino l’imprenditore nelle scelte strategiche  e nella conduzione operativa dell’azienda.

Misura di Allerta – Un sistema dal quale non si scappa, che porta il debitore a scoprire le carte da subito.

Torna su