Qualità, EIMA alla pari di Hannover

Malavolti (FederUnacoma): “Mi interessa Bologna, non Parigi”

di Virgilio Parma 5 luglio 2019 – All’assemblea annuale di FederUnacoma (27 giugno 2019) , non poteva mancare l’argomento dei attualità ovvero la “Querelle EIMA – SIMA” .

Riconfermato all’unanimità alla presidenza anche per il prossimo biennio, Alessandro Malavolti ha invitato a pensare alla prossima edizione bolognese di EIMA, forte dei dati che la vedono primeggiare a livello continentale, in termini di qualità, confrontandosi con la sola Hannover.

Dall’alto di questa classifica, come riporta il sito Meccagri.it “È evidente, dunque, che la partita Bologna non la gioca con Parigi, ma semmai con Hannover. Riscontri molto incoraggianti sono venuti però anche su questo fronte, dove la rassegna italiana risulta sostanzialmente affiancata a quella tedesca su quasi tutti i parametri qualitativi.”

E’ giunta l’ora di concentrarsi su Bologna.

“Quanto alla posizione di FederUnacoma – prosegue l’articolo “Meccagri”, nella querelle Parigi/Bologna è tutto chiaro: la Federazione non discute il merito, ma il metodo perché, come ha fatto notare Malavolti, Sima ha scelto la strada della non concertazione, svilendo così anche il ruolo del Comitato europeo dei costruttori di macchine agricole nel quale sono rappresentate tutte le associazioni nazionali di settore (vedi link).

In ogni caso, annunciando la partenza dei lavori per l’edizione di Eima International 2020, il presidente dei costruttori di macchine agricole di FederUnacoma ha chiuso la questione: «A questo punto dobbiamo guardare avanti e lavorare confrontandoci con Hannover, concentrandoci sulle novità tecniche, sugli spazi espositivi. Nell’ambito delle fiere b2b, Eima in Italia è seconda solo al Salone del Mobile: non mi interessa Parigi, mi interessa Bologna»”.

A fare di Eima una manifestazione che piace, come ampiamente esposto in occasione dell’assemblea, c’è anche la percentuale di operatori fedeli pari al 94,3 per cento, una quota straordinariamente alta nel panorama fieristico, e all’interno di questo segmento ben l’86,2 per cento è costituito da “apostoli”, vale a dire da operatori desiderosi di farsi promotori della manifestazione.

Torna su