La nuova “resistenza”. Sovranisti per necessità!

Se la capitana Carola la si vuol far passare per una eroina vuol dire che siamo giunti a un punto di non ritorno e la “resistenza” sovranista diventa un obbligo civile.  

di Lamberto Colla Parma  7 luglio 2019 –

Quello che si è consumato a Lampedusa nei giorni scorsi è il tramonto della legalità, della moralità e della onorevole rappresentanza degli uomini di Stato.

Quel che è peggio è che per difendere una posizione ridicola e disonorevole si voglia far passare la comandante della Sea Watch 3 come una eroina.

No, a questo mi ribello. Mi ribello per tutti quegli imprenditori che si sono tolti la vita perché impossibilitati, a causa della crisi economica, a pagare i propri operai, per quei disoccupati, che per analoghe ragioni, non sono riusciti a perdonarsi di non esser riusciti a far mangiare la propria famiglia e anch’essi hanno deciso per il gesto estremo, mi indigno per tutti quelli che pur di rispettare le leggi, anche le più assurde vivono in stato di assoluta indigenza, mi schernisco all’idea che dei parlamentari abbiano inneggiato alla disobbedienza civile e da bordo di una nave clandestina abbiano inneggiato e assecondato lo speronamento di un battello della guardia di finanza giocando a fare i “pirati” o meglio i “moderni corsari” perché comunque sono al soldo della Repubblica Italiana.

Non ci sto a ascoltare ore e ore di inutili e demagogici interventi di chicchessia a favore della “Capitana Carola” e nessuno che si sia indignato e se ne sia andato in “vacanza” in Val D’Enza a portare la propria solidarietà a quelle famiglie alle quali sono stati sottratti i figli nelle modalità “horror” che le cronache di questi giorni hanno riportato nei miseri spazi rimasti disponibili; tra un servizio su Carola, uno sulla comandanta e infine uno sulle mostruosità di Salvini con un qualche intermezzo a ricordare come in estate spesso ci sia caldo e sia utile bere soprattutto per gli anziani.

BASTA! Se questa è l’opposizione o il governo del Paese siamo giustificati a opporre resistenza. A essere “Sovranisti Per Necessità” in difesa della nostra cultura e identità italiana. Lo dobbiamo ai tanti che si sono sacrificati per la nostra libertà, sia durante le guerre e sia nell’esercizio delle proprie funzioni di militari, in azioni di guerra fuori confine o interne nel combattere terrorismi e mafie di ogni genere.

Ormai sono in tanti a essere stanchi di questa situazione e sono giunti al limite della sopportazione. Tanti che non parlano ma che covano rabbia a ascoltare tante stupide amenità passate come “morali” ineluttabili. Tanti che non si esprimono perché non ne hanno la possibilità o solo per timore di essere etichettati “fascisti” per il solo fatto di non essere d’accordo con la macerata cultura di sinistra, nemmeno parente alla lontana della sinistra che era riuscita a farsi strada sino alle porte del governo d’Italia.

Stanchi devono per forza essere anche gli uomini delle forze dell’ordine che per primi mettono la loro vita a disposizione della legalità.

Per tutti questi ultimi suggerisco la lettura della “Lettera aperta all’Onorevole Orfini” di Cav. Gaetano Insinna (Segretario generale aggiunto SIM Guardia di Finanza) all’indomani dei fatti di Lampedusa.

“… Lei era a bordo della Sea Watch 3- scrive in un passaggio iniziale il rappresentante della GDF,  quando la signora Carola Rackete ha volontariamente forzato il blocco e messo a repentaglio la vita dei miei Colleghi.

In una intervista ha dichiarato, riflettendo anche successivamente “a freddo”, quindi senza alcun ripensamento, che se fosse stato al posto della signora avrebbe fatto la stessa cosa.

Lei ha studi classici, ergo, rifletta profondamente sul peso che può essere attribuito alle sue parole.

Alla luce delle sue dichiarazioni, se non ho compreso male il senso o la metafora, quindi, lei, Onorevole della Repubblica italiana, deputato e presidente del Partito Democratico dal 14 giugno 2014 al 17 marzo 2019, avrebbe forzato il blocco e messo a repentaglio la vita dei miei Colleghi finanzieri?

Pregiato Onorevole Matteo Orfini, perdoni l’ignoranza e mi aiuti a capire, … (prosegue)

La magistratura farà la sua parte e ci auguriamo lo faccia in piena coscienza e consapevolezza, ma a un parlamentare della Repubblica, che comunque rappresenta migliaia di elettori, non deve sfuggire di mano la legalità e le parole hanno un peso molto maggiore se divulgate da un uomo dello Stato. Possono diventare parole di incitamento all’azione e in questo caso ognuno sarebbe libero di applicare l’invito a qualsiasi stato di necessità. Dal rifiuto pagare le tasse perché “oggettivamente” troppo alte, al farsi giustizia da soli perché lo Stato non ha sufficienti uomini per garantire la sicurezza di tutti e senza arrivare a tanto, alla libertà di saccheggiare i supermercati per la necessità di alimentare la famiglia.

Avete abbondantemente “toppato” e che la vergogni non vi porti sonni tranquilli… Complimenti avete autorizzato il “caos”. Al più presto avremola coda dii pirati e “caron dimonio” in fila per lo sbarco “disumanitario” autorizzato dagli irresponsabili.

(foto, frame da video di Askanews: Sea watch, Rackete libera: il Gip non ha convalidato l’arresto – http://www.askanews.it/video/2019/07/03/sea-watch-rackete-libera-il-gip-non-ha-convalidato-larresto-20190703_video_10271679/)

(Clicca qui per leggere gli altri editoriali)

 

Torna su