Scontrini elettronici, fattura elettronica e scontrini – lotteria

di Mario Vacca Parma 7 luglio 2019 – Dal momento in cui il ministro Tria ha proposto il generale Antonio Maggiore come direttore dell’Agenzia delle Entrate

sono state implementate diverse innovazioni che hanno cambiato la burocrazia amministrativa delle imprese. La fattura elettronica il 01 luglio è arrivata al suo primo step, nella stessa data è entrato in vigore l’obbligo dello scontrino elettronico per alcuni esercenti, e per tutti da gennaio 2020, e sempre nel 2020 molto probabilmente vedranno la luce gli scontrini-lotterie.

Analizziamo oggi la situazione  attuale:

Dal  01/07/2019 è terminato il periodo transitorio  per gli obblighi relativi all’emissione della fattura elettronica. Sempre dal 1 luglio 2019 scatta anche l’obbligo di memorizzare e trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati dei corrispettivi per i soggetti che nel 2018 hanno realizzato ricavi superiori ad euro 400.000 (obbligo che sarà esteso a tutti dal 1 gennaio 2020).

EMISSIONE FATTURA ELETTRONICA

La fattura elettronica potrà essere emessa entro 12 giorni dal momento di effettuazione dell’operazione.

La fattura dovrà contenere la “data di effettuazione dell’operazione” nel momento impositivo corretto: potrà poi essere trasmessa entro 12 giorni in via telematica

(servizio sdi), esempio:

– Operazione effettuata il 28 giugno, possibilità di emettere la fattura attraverso il servizio telematico (sdi) entro il 10 luglio: data fattura e data di effettuazione dell’operazione 28 giugno, invio telematico entro il 10 luglio, validità ed effetto fiscale dell’operazione mese di giugno;

– Qualora si emetta una fattura riepilogativa di più operazioni (ad esempio fattura differita relativa a più ddt) la data di effettuazione da inserire nella fattura elettronica potrà essere quella dell’ultima operazione.

Si consiglia di fare attenzione ad emettere le fatture entro la fine del mese di competenza (data  effettuazione dell’operazione), benché la normativa consenta ancora il termine di 15 giorni per l’emissione della fattura stessa.

CORRISPETTIVI TELEMATICI (ex scontrino e ricevuta fiscale)

Dal 1 luglio, per i soggetti con ricavi fino ad euro 400.000 che possono emettere lo scontrino o la ricevuta fiscale in luogo della fattura, scatta l’obbligo della memorizzazione e trasmissione giornaliera dei corrispettivi. Per questo sarà necessario utilizzare in luogo del vecchio registratore di cassa i nuovi registratori telematici: gli stessi registratori dovranno provvedere giornalmente all’invio telematico dei dati all’Agenzia delle Entrate.

Non ci sarà più il vecchio scontrino fiscale (o ricevuta) ma il nuovo “documento commerciale” utile esclusivamente come ricevuta di acquisto e relative garanzie. Affinché tale documento commerciale possa essere riconosciuto fiscalmente (ad esempio per beneficiare di detrazioni o deduzioni d’imposta) sarà necessario richiedere all’esercente l’emissione di idoneo “documento commerciale valido ai fini fiscali” fornendo il proprio codice fiscale e partita via.

Permane l’obbligo di emissione della fattura su richiesta del cliente.

 

Torna su