Fallibilità Agricola

di Mario Vacca Parma 14 luglio 2019 – Il nuovo codice della Crisi d’impresa e dell’insolvenza, pur modificando o introducendo determinati articoli

non cambia la lettura dell’articolo 1 della legge fallimentare secondo il quale l’imprenditore agricolo non è fallibile.

Siffatta lettura è genesi di una desueta tradizione culturale che vedeva l’imprenditore agricolo alle prese con ridotti capitali necessari all’esercizio dell’attività e ritenuto, dal legislatore del ’42, economicamente non pericoloso per i terzi creditori.

Cambiati i tempi, con l’evoluzione dei mercati l’attuale imprenditore agricolo è sempre più spesso vicino a quello commerciale e l’obbligo di adeguarsi alle nuove tecnologie comporta investimenti rilevanti di capitali un tempo impensabili. A tal riguardo è sempre più evidente all’interno di una stessa impresa esercente attività agricola ai sensi dell’art. 2135 una commistione tra tale attività e quella commerciale ed una continua prevalenza dell’una sull’altra.

Proprio tale commistione è oggetto della sentenza n. 5342 depositata il 22/02/19 con la quale la Corte di Cassazione evidenzia che ai fini dell’infallibilità dell’imprenditore agricolo non sia sufficiente la mera iscrizione di un’impresa nel Registro delle Imprese in qualità di soggetto esercente attività agricola al momento del deposito della domanda di fallimento ma è necessario procedere ad una verifica dell’effettiva attività esercitata.

Tale verifica deve dovrà essere svolta in modo compiuto non soltanto limitata alla verifica del rispetto dei requisiti formali, ma un accertamento dell’effettiva attività svolta ed il rispetto degli eventuali parametri richiesti dal Legislatore nell’eventualità l’impresa non si limiti a svolgere attività agricole ex se ma siano esercitate anche attività connesse per le quali è richiesto sempre il rispetto del parametro della prevalenza.

La recente sentenza afferma anche che “una volta accertato in sede di merito l’esercizio in concreto di attività commerciale, in misura prevalente sull’attività agricola contemplata in via esclusiva dall’oggetto sociale di un’impresa agricola costituita in forma societaria, questa resta assoggettabile a fallimento nonostante la sopravvenuta cessazione dell’esercizio di detta attività commerciale prevalente al momento del deposito di una domanda di fallimento a suo carico”.

A questo punto quindi si può affermare che l’iscrizione dell’imprenditore come agricolo non di per sé non rappresenta uno schermo sufficiente contro la fallibilità nel caso in cui sia rinvenibile lo svolgimento effettivo e reale di un’attività commerciale.

Torna su