In viaggio alla ricerca del nostro Beyond

L’astronauta Luca Parmitano il 20 luglio 2019 ha lasciato la terra per raggiungere lo spazio e dirigersi verso l’assoluto, in una missione chiamata Beyond (oltre).

Sarà un momento particolare per il nostro astronauta che dirigerà la missione in corrispondenza del 50° anniversario dei primi passi sulla luna compiuti da Neil Armstrong e Buzz Aldrin durante la missione Apollo 11.

 

Di Guido Zaccarelli Mirandola 21 luglio 2019 – In molti si ricorderanno il famoso giornalista Tito Stagno che commentava, dallo studio Rai di via Teulada, con il collega Ruggero Orlando in collegamento da Houston, i momenti che hanno preceduto l’allunaggio, quando l’Apollo 11 ha toccato il suolo lunare e il momento nel quale il comandante Neil Armstrong, ancora fermo sull’ultimo gradino, prima di appoggiare il piede sul suolo lunare, affermò: «Ora scendo, sarà un piccolo passo per un uomo, ma un gigantesco passo per l’umanità». Un momento storico dove l’oltre ha sfiorato per un attimo l’uomo prima di involarsi verso un nuovo Beyond.

 

Il viaggio riguarda la via che l’uomo intende intraprendere per incamminarsi verso l’oltre, cercando di portare con sé il necessario per garantirsi il sostentamento, come avveniva nell’antichità quando la tecnologia, e i mezzi di comunicazione, non permettevano di raggiungere in breve tempo la destinazione. Pensiamo anche solo per un attimo al viaggio su Marte, il pianeta rosso, che l’uomo vuole raggiungere nel 2033, creando una base sul suolo lunare come appoggio per la lunga attraversata che dovrebbe durare 6 mesi nel Beyond cosmico: Mission to Mars. L’uomo, fin dalle sue origini, dal primo ominide avvenuto nel deserto del Sahara circa quattro milioni di anni fa, è sempre stato in viaggio alla continua ricerca di una dimensione del sé migliore della precedente.

 

Dai propri villaggi si spostava verso nuove terre fiorenti che gli consentissero una vita migliore, per sé e per la propria famiglia. Una cosa ha sempre accompagnato l’uomo nella vita quotidiana: la scoperta, cercare sempre cose nuove. Il Beyond è un mondo che affascina e attrae per il desiderio di conoscere. La ricerca (in ogni campo) è ciò che ha portato l’uomo a raggiungere traguardi impensabili, grazie alla sua intelligenza e capacità di non porre limiti alla sua esistenza e al bisogno di conoscere, come nel libro: abbi il coraggio di conoscere di Rita Levi Montalcini, dove la scienziata afferma: «nella vita occorre avere il coraggio di ribellarsi». Cambiare continuamente il paradigma con il quale si osserva ogni giorno la realtà. Occorre evitare lo sguardo fossile e il perdurare della mente nello stato di quiete, all’interno della zona di comfort, che limita l’accesso alla ricerca dell’oltre, quel passo in avanti che ha portato l’uomo a posare il piede sulla luna. La conoscenza è l’espressione autentica di “conoscere per comprendere”.

 

È la rivelazione autentica del bene, che contagia grazie all’intelletto che Immanuel Kant, massimo esponente dell’illuminismo ebbe a dire: «abbi il coraggio di servirti della tuo proprio intelletto per disporre di una vita migliore». Chi non viaggia con la mente, con il corpo e con lo Spirito si comporta come quella persona che ambisce di potersi sollevare da terra e librarsi in aria facendo leva sulle proprie bretelle. Così affermava all’inizio del secolo scorso il neurobiologo David Hunter Hubel, medico e neuroscienziato canadese naturalizzato statunitense, premio Nobel per la medicina, per le sue scoperte sul sistema nervoso legato alla vista, quando era forte il desiderio di penetrare nel mistero del binomio cervello-mente.

 

Camminare significa: scrivere la storia per lasciare un segno dietro di sé, perché la storia è coscienza e conoscenza del passato, del passato a noi più vicino come di quello più lontano. Se non teniamo traccia del nostro cammino, come l’uomo potrà raggiungere un nuovo Beyond? L’esistenza dell’uomo è lì per lasciare un segno tangibile della sua presenza terrena, diverso dalla scia luminosa che allontana da sé la cometa al suo passaggio, per dirigersi verso un nuovo orizzonte sconosciuto.

 

La scrittura è il fondamento della nostro passaggio. Occorre lasciare buone azioni e buoni pensieri affermava ancora il premio Nobel Rita Levi Montalcini affrontando ogni situazione al massimo grado delle nostre capacità raziocinanti. In questo viaggio verso l’oltre ritorna alla mente un libro scritto dal famoso, e noto giornalista televisivo, Sergio Zavoli dal titolo: viaggio intorno all’uomo nel quale l’autore cerca di approfondire e fare emergere l’umanità, il valore etico e morale dei personaggi intervistati. Un viaggio per osservare anche la parte nascosta di ogni singola identità, invisibile ad occhio nudo. Non poteva mancare in questo breve ricordo la poesia di Primo Levi: Se questo è un uomo: «Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici…», che affronta il viaggio dal campo d’internamento di Fossoli (Carpi – Mo) verso il campo di concentramento di Auschwitz che durerà 15 interminabili giorni. Un tempo vissuto all’interno di un oltre nel quale era certa la destinazione ma non cosa sarebbe successo nel durante. Eppure è successo.

 

Solo affrontando la realtà e le condizioni si superano le difficoltà. Uscire di casa, da un porto sicuro e affrontare anche le avversità, perché nel cammino la realtà è in grado di fare gioire. L’uomo è continuamente in viaggio per scoprire nuovi orizzonti nello spazio dell’oltre e verso se stesso alla ricerca del proprio Beyond. Una navicella che gira continuamente intorno all’uomo per illuminare anche la parte nascosta della sua luna quando decide di intraprendere il viaggio alla ricerca del suo spazio cosmico inesplorato.

 

Ognuno cerca d’addentrarsi in se stesso alla ricerca del suo spazio di intimità, e una volta raggiunta la profondità, poter trovare un momento da dedicare alla quiete, dove sia possibile elucidare le sensazioni che hanno avuto il pregio di infondere momenti scarsamente illuminati, evitando ai pensieri di naufragare in un mare aperto che s’appropria dell’identità. Anche lassù nello spazio c’è il silenzio che depone a favore della tranquillità da dedicare non solo a se stessi ma anche per osservare da lontano la terra e immaginare il via vai di gente che si muove in una direzione, ora in un’altra, diretta verso il proprio Beyond. Non serve molto; occorre attorniarsi di persone di cui fidarsi e di cose semplici, quelle che pensiamo non possano ambire a donarci un riflesso di luce e che lasciamo liberamente correre perché ritenute di scarso valore. Quando si è nello spazio, in uno spazio ristretto, la vicinanza è una prova di coraggio, di umiltà verso se stessi e gli altri e come ci ricorda il Piccolo Principe: «non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi». Ogni viaggio che l’uomo compie nello spazio della sua esistenza è una scoperta, è un balzo in avanti verso la sua umanità.

 

“Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che abiterò in una di esse, visto che riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero. Antoine De Saint-Exupery

 

Riferimenti bibliografici:

Guido Zaccarelli, La Conoscenza Condivisa, verso un nuovo modello di organizzazione aziendale e Dalla Piramide al Cerchio, la persona al centro dell’azienda, Franco Angeli Editore.

Il Piccolo Principe, Antoine De Saint-Exupery

Abbi il coraggio di conoscere, Rita Levi Montalcini, Corriere della Sera

Riferimenti sitografici:

https://www.wikipedia.org/

 

CURRICULUM – Guido Zaccarelli, è docente di informatica, consulente aziendale, saggista e collaboratore redazionale di Gazzetta dell’Emilia. È laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per il coordinamento delle professioni sanitarie e frequentato la scuola di alta specializzazione per formatore e consulente d’impresa. È stato referente del Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il distretto di Mirandola e dal 2008 al 2018 docente a contratto di informatica presso l’Università di Modena Reggio.
Bibliografia: Informatica, insieme verso la conoscenza (2010) – La conoscenza condivisa, verso un nuovo modello organizzativo (2012) – Finestre di casa nostra (2013) – Dalla piramide al cerchio, la persona al centro della azienda (2016)

 

 

Torna su