Cereali e dintorni. Prezzi ai minimi. 

Prezzi ai minimi e mercati ancora incerti. L’incertezza del cambio e il rallentamento dell’economia della Germania con l’incognita Brexit

lasciano molti dubbi sulle interpretazioni dei futuri scenari economici.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano,  23 agosto 2019 –  I mercati internazionali continuano a non intraprendere una direzione precisa. Da rilevare che comunque i valori sono contenuti specie per il comparto soya e il corn-mais:

Continua intanto il Pro Farmer Crop Tour che sta rilevando rese inferiori al previsto per mais/corn, e potrebbe essere altrettanto per il seme di soya

Diversi analisti ritengono che non sussistano spazi per ulteriori sensibili cali, in quanto i valori di costo produttivo non sono oltremodo comprimibili.

Attualmente il mercato vive, anche da noi, un momento difficile a causa dell’abbondanza, infatti  è noto che nel mondo merce non ne manca, la Cina, ma anche gli Usa, così’ come la vecchia Europa, stanno vivendo una crisi finanziaria e  i consumi sono ridotti.

Questo serve anche a spiegare alcune dinamiche di mercato dove si registra calma piatta sui cereali, proteici sul breve medio; perciò, senza l’insorgere di eventi esterni, il mercato non ha la forza di fare fughe in avanti.

Analizzando con un minimo di attenzione alla serie storica degli ultimi tre anni. per seme e farina siamo sui minimi e quindi potrebbe essere una buona occasione per implementare gli approvvigionamenti in quanto è sempre pendente l’incognita cambio Euro Dollaro l’Europa si trova a affrontare il rallentamento della Germania e le incognite della Brexit che potrebbero pesare a nostro sfavore. A supporto di ciò stiamo assistendo a tentativi, da parte degli importatori,  di vendere cereali sui prossimi 20-24 mesi a prezzi chiusi, contando appunto su fissazioni e differenziali di valuta,. Ma sattenzione, ono dinamiche molto complesse e rischiose.

Nulla di nuovo sul mercato interno rispetto all’ultimo articolo del 20 agosto: da segnalare il perdurare delle note difficoltà logistiche, la fine del rialzo dei cruscami, fermo anche il mercato del grano così come quello del mais, che comunque non risente di quanto accaduto sul Chicago.

Per il comparto biodigestori si segnala l’inizio delle campagne di trinciatura con qualità per ora discutibili.

Indicatori internazionali 23 agosto 2019
l’Indice dei noli è salito a 2118 punti, il petrolio è a quota 55,00$  e l’indice di cambio €/$ segna 1,10709  (Hr. 9,30).

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

 

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

 

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

http://www.andalini.it/it/

 

 

 

Torna su