A Monticelli Terme si è discusso di Parmigiano Reggiano – “Autenticità e territorio, valori assoluti per il Parmigiano Reggiano, come preservarli e comunicarli”

E’ ritornato il tradizionale appuntamento con il Parmigiano Reggiano di Monticelli Terme. Non solo una festa, come ha sottolineato l’assessore regionale

all’Agricoltura, ma un momento di confronto e il convegno  odierno lo ha testimoniato ancora una volta .

 

Di Virgilio Monticelli Terme 15 agosto 2019 – Negli ultimi anni, dopo un lungo periodo di crisi, il Parmigiano Reggiano ha visto risalire le quotazioni sino a una stabilizzazione dei prezzi, ai livelli sufficientemente remunerativi come accaduto negli ultimi mesi, nonostante un sensibilissimo incremento delle produzioni che, in altri analoghi periodi di superamento della soglia delle 3 milioni di unità, i valori economici avrebbero risentito di una flessione negativa, intensa e prolungata.

Se qualcosa è cambiato questo lo si deve a una combinazione di molteplici fattori e tra questi figurano anche le azioni introdotte dalla ultima presidenza del Consorzio del Parmigiano Reggiano la cui politica si è rivolta con forza alla commercializzazione, alla qualità del prodotto, alla lotta alla contraffazione e alla comunicazione anche verso i mercati esteri.

Ad illustrare la strategia comunicativa che ha ispirato il Consorzio del Parmigiano Reggiano è stato Pietro Rovatti, brand manager consultant del consorzio stesso. Dallo studio e elaborazione del nuovo marchio alle difficoltà per comunicare l’autentica “autenticità” del Parmigiano Reggiano. “Quello vero è uno solo” è stato il secondo passaggio comunicativo per affermare l’autenticità e la distintività del prodotto. Processo che proseguirà con la diffusione del “Manifesto” del Consorzio che porrà al centro 5 temi: il Territorio, l’Ambiente, il Benessere Animale, la Comunità e la  Nutrizione e Benessere. “Il Territorio è la nostra storia e l’autenticità è la sua chiave di lettura”, ha chiosato Pietro Rovatti.

 

Il Convegno di Monticelli, moderato da Marco Epifani, ha visto le conclusioni dell’Assessore Regionale all’Agricoltura Simona Caselli dopo le relazioni di

 

Luigi Spinazzi, Presidente Consorzio di Bonifica Parma.

Lorenzo Frattini, Presidente legambiente Emilia Romagna.

Claudio Barilli, Referente di Confcooperative Parma.

Luca Cotti, Vice Presidente di Coldiretti Parma.

Roberto Gelfi, Vice presidente di Confagricoltura Parma

Saverio Delsante, consigliere di giunta CIA Parma.

Territorio, ambiente e Parmigiano Reggiano sono indissolubilmente connessi e l’acqua e la sua gestione è l’elemento principale da custodire, durante tutto l’anno solare. Dopo i ringraziamenti al Sindaco Daniele Frigeri, alla Vice sindaca Francesca Mantelli e all’Assessore all’ambiente Maurizio Olivieri i quali, introducendo all’evento, avevano ampiamente dichiarato la loro attenzione e illustrati i progetti in cantiere all’ambiente, all’agricoltura e al Parmigiano Reggiano per il quale hanno addirittura creato una delega specifica demandata alla Vice Mantelli, il presidente della Bonifica Parmense ha illustrato, con il supporto di slide, i dati che dimostrano il cambiamento climatico in atto “che non possiamo più ignorare”, ha sottolineato Luigi Spinazzi,  e per il quale la Bonifica Parmense ha attivato una serie di progetti . Alcuni vanno a intervenire sui due terzi del territorio, occupato dalla montagna che soffre di dissesto idrogeologico, mentre altri interverranno sulla pianura, che accoglie 1/3 della superficie ma ospita i 2/3 di popolazione e soffre di un alto livello di rischio idraulico.

Cooperazione e Parmigiano Reggiano sono un binomio indissolubile. “I grandi numeri del Parmigiano dati da tanti produttori, anche piccoli, dislocati su tutto il Comprensorio e che insieme rappresentano circa il 70% del prodotto finito” ha sottolineato Claudio Barilli (Confcooperative Parma) e rammentando come la cooperazione abbia “nei decenni garantito reddito alla maggioranza delle imprese agricole del comprensorio di produzione” e come il ruolo della cooperazione sia “prioritario nel sistema e nelle sfide che la rapida evoluzione dello scenario economico e sociale impongono. La cooperazione inoltre ha sempre fatto da componente di equilibrio sul mercato del latte sugli aspetti legati al prezzo.”

Sull’ambiente e la salvaguardia del territorio, è intervenuto Lorenzo Frattini di Legambiente, il quale ha  illustrato i due punti più sentiti dall’organizzazione ambientalista: i cambiamenti climatici e l’acqua come risorsa naturale da conservare e gestire anche attraverso la riqualificazione dei fiumi e le opere idrauliche. Non esclude possano essere presi in considerazione anche piccoli invasi, purché siano  elementi inseriti in un progetto più ampio. L’ambientalista ha infine lanciato un appello alle organizzazioni per un maggiore coinvolgimento nella tutela del territorio in quanto, ha osservato “Sono profondamente convinto che questo territorio sé segnato in modo positivo dal Parmigiano Reggiano, ma quando mi si dice che il “parmigiano” difende i territori, su questo, mi dispiace, non sono d’accordo. Lo si difende quando si dibatte sulle infrastrutture, quando si dibatte sui piani regolatori, come abbiamo più volte segnalato alla presidenza del consorzio”. 

 

Nel quadro complessivo del territorio e della produzione,  l’elemento di connessione è l’uomo, agricoltore e allevatore, rappresentato al convegno dai vertici delle Organizzazioni Agricole. Luca Cotti (Coldiretti),  infatti ha contestato l’ultima affermazione dell’esponente degli ambientalisti e invece sottolinea come sia proprio l’agricoltore il custode del territorio. ” le osservazioni che vorrei fare stamattina riguarda la distintività, che è già intrinseca nel marchio DOP. Il problema, come sosteneva Rovatti, è comunicare questa autenticità.” Il rappresentante di Coldiretti infine, sottolineare come il consumatore stia finalmente premiando il prodotto, e invita a procedere a lunghi passi verso una alimentazione No Ogm delle bovine e a svolgere una vera azione rivolta al benessere animale.

 

Sulla stessa linea anche l’intervento del rappresentante di Confagricoltura. Per Roberto Gelfi infatti, il valore del territorio passa dall’agricoltore e la sua stanzialità. Focalizzarsi sull’erba medica vuol dire esaltare un grande fattore di distintività. E’ certamente un concetto difficile ma “Occorre trovare le parole giuste per comunicare la foraggicoltura da erba medica” in opposizione alla foraggicoltura da mais.

 

Saverio Delsante (CIA Parma) ha invece esposto una sua diretta esperienza di valorizzazione del prodotto e del territorio. “I visitatori che arrivano ai nostri caseifici rimangono basiti quando apprendono della lavorazione”, ha dichiarato Delsante,  ma rimangono anche impressionati dal fatto che nel mestiere dell’allevatore non siano contemplate le ferie. La chiusura è stata lasciata a una domanda provocatoria: “I giovani come fanno a investire in agricoltura” con i miseri finanziamenti  a loro destinati?

 

Come anticipato, le conclusioni sono state tratte da Simona Caselli.

L’assessora all’agricoltura, collegandosi all’intervento di Luigi Spinazzi, approfondisce il tema del cambiamento climatico esponendo i risultati della ricerca che analizza i dati dal 1961 al al 2015. Dati che dimostrano come effettivamente “non ci sia da discutere“. Sulle montagne le temperature medie si sono sensibilmente innalzate  e nonostante le precipitazioni non siano variate significativamente sono invece mutate le distribuzioni temporali e gli esperi prevedono che entro breve le piogge saranno concentrate nel periodo autunnale, con conseguente  incremento delle problematiche connesse alla raccolta e gestione delle acque piovane in un periodo fortemente limitato e con precipitazioni molto più intense.

“Siamo in un territorio che, grazie  a Dio, è segnato dal Parmigiano Reggiano”, ha sottolineato l’assessora. Nella ricerca citata, infatti, viene anche evidenziato come la sostanza organica sia praticamente assente nei terreni agricoli a est di Bologna con grave preoccupazione per una prossima potenziale desertificazione.

Energia, bio-metano e economia circolare dovranno essere temi da affrontare con grandi investimenti in innovazione tecnologica di cui, peraltro, la Regione ha già iniziato a stanziare fondi, in particolare sulla bio-energia e sull’utilizzo dell’acqua nella coltivazione del mais.

La Caselli conferma l’interesse verso il benessere animale anche in forza del fatto che un argomento molto sentito dalla popolazione europea che l’ha innalzato al secondo posto tra le priorità.  Per concludere si auspica di poter portare a casa le questioni più complesse ancora in sospeso sul disciplinare del Parmigiano Reggiano e in particolare la problematica connessa alle nascite in zona per  cui occorrerà un maggior sforzo scientifico per “convincere” dell’importanza delle nascite da vacche che abbiano già prodotto latte per il parmigiano reggiano.

Come riflessione conclusiva, Simona Caselli, concorda sulla necessità di una comunicazione mirata e informativa che arrivi a meglio spiegare le questioni più spinose, come ad esempio la partita dei conservanti.


Torna su