Si chiama AZZURRA, si legge efficienza

Nata da un’idea originale e innovativa, la cooperativa Azzurra si è andata affermando grazie a un costante processo di innovazione ma soprattutto attraverso una politica di adeguamento alle esigenze dei clienti. La storia continua.

Di Lamberto Colla, San Polo di Torrile 26 settembre 2019 –

Era il 1998 quando, sotto la spinta di due tra i soci fondatori, Fabio Delpoggetto e Morena Benvenuti, prese forma la cooperativa dall’ambizioso progetto di affermarsi nel comparto lattiero-caseario per colmare la carenza della logistica tramite l’offerta di servizi personalizzati.

“Un approccio per l’epoca innovativo, sottolinea il Presidente Fabio Delpoggetto, perché riferito a un settore strutturato da una offerta standardizzata. Un’idea che, estesa anche a altri settori, ha consentito di svilupparci armoniosamente e di sopportare le insidie della crisi economica tutt’ora in corso. “

Di strada ne è stata percorsa. Tra implementazione di servizi, dal facchinaggio puro e semplice allo stoccaggio merci e infine al confezionamento, etichettatura e assemblaggio di prodotti appartenenti a diverse categorie merceologiche.

“Evidentemente, continua Delpoggetto, i nostri servizi sono apprezzati, sia per la qualità proposta, sia per l’elevato standard di riservatezza e discrezione che offriamo grazie ai quali abbiamo ottenuto importanti contratti decennali sottoscritti da diverse catene distributive  estere e di valenza mondiale. Una garanzia di continuità che consente di operare per uno sviluppo continuativo, programmabile e sostenibile.”

Oggi Azzurra ha raggiunto un fatturato di 11 milioni di euro e può contare su quasi 55.000 mq di superfici (60% in proprietà e il resto in locazione)  destinate allo stoccaggio e alle linee di lavorazione per conto terzi, quello che può definirsi un “polo logistico multicliente”.

“Anche nell’ultimo esercizio amministrativo, sottolinea Morena Benvenuti, abbiamo registrato un incremento di fatturato (2,5 mln di €) ma a migliorare sono stati anche altri fattori economici, come le disponibilità liquide e il Patrimonio Netto, a conferma che l’impostazione di procedere con un rigido controllo di gestione basato sul monitoraggio costante dei fattori produttivi per ogni servizio e per le gestione aziendale complessiva. Motivo d’orgoglio è inoltre il valore 100/100 che la Centrale Rischi della Banca d’Italia ha certificato, ponendo la nostra azienda ai vertici tra le imprese con oltre 150 dipendenti”

“Un fattore determinante, interviene Delpoggetto, è stato ed è tutt’ora lo “spirito di appartenenza” dei soci (176), tutti operativi in cooperativa. Nel tempo inoltre ci siamo via via  arricchiti di risorse umane altamente specializzate e il personale è stato sottoposto a progetti di formazione continua. In breve sintesi, se di successo si può parare, questo è stato ottenuto grazie alla qualità dei servizi, alla corretta tariffazione  condivisa dai clienti e alla qualità e affidabilità del personale a tutti i livelli dell’impresa.”

La storia continua. Il futuro potrà essere ancora roseo tant’è che nuovi spazi di proprietà sono in procinto di aggiungersi a quelli già in uso. Ulteriori  12.500 metri quadrati il cui progetto ha ricevuto le varie autorizzazioni, Dia comunale compresa.

 

Torna su