Italiani untori?  Sarebbe giunta l’ora di richiedere i danni ai nostri splendidi alleati

Italiani untori?  Sarebbe giunta l’ora di richiedere i danni ai nostri splendidi alleati

L’ultima disgustosa infografica della CNN è la conferma di una volontà di affossare l’Italia da parte dei nostri antichi alleati. Ormai, tra le vignette di Charlie Hebdo, piuttosto che del video di Canal+ o delle satire dei media tedeschi,

siamo diventati un bersaglio troppo facile. E’ ora di svegliarsi e rispondere colpo su colpo e dopo l’emergenza dettata dal coronavirus occorre ripensare seriamente alla nostra posizione nello scacchiere occidentale. Siamo pur sempre la settima potenza mondiale e la seconda manifatturiera europea.

Di Lamberto Colla Parma, 8 marzo 2020 – E’ indubbio che il nostro Governo, nella questione coronavirus,  si sia mosso in modo assolutamente criticabile; inizialmente intervenendo in ritardo, concentrato come era  a polemizzare su ogni osservazione o provocazione dell’opposizione,  poi muovendosi nella comunicazione con la delicatezza di un elefante in una cristalleria.

Una comunicazione altamente distonica tra immagine e testo. Un premier, noto per l’eleganza della sua pochette a 5 punte,  stona e insospettisce quando si presenta in maglioncino tattico (alla Salvini per esempio) e si rivolge alla popolazione italiana dal bunker asettico e tecnologico della Protezione Civile.

Il  Bisogna stare calmi, che a molti ha riportato alla memoria il “stai sereno” di Renzi, perché le azioni preventive  messe in atto sarebbero state efficaci a contenere l’espansione del virus è stata percepita come una bufala quando, in  una bella mattina a Codogno in Lombardia, Vo’ in Veneto e dintorni, la popolazione  si svegliò nella stessa situazione di Whuan: chiusi nei loro “ghetti” e  cinturati dalle forze dell’ordine. Nessuno più sarebbe potuto uscire e entrare dalle due zona rosse, mentre alle zone gialle, molte delle quali da oggi sono state promosse  a rosse, ovvero Lombardia, Veneto e Emilia Romagna, vennero imposte rigide prescrizioni in accompagnamento alla chiusura di scuole, teatri, musei, e sospese tutte le manifestazioni pubbliche e private, sportive e laiche.

A questo punto la popolazione è naturale che si isterizzi e si polarizzi in due fronti opposti,  entrambi giustificati ma altrettanto pericolosi per l’elevata instabilità sociale:
– Chi accoglie l‘invito alla calma e si adegua un po’ scettico su tutto questo can-can del governo e tra questi molti però nemmeno prendono in considerazione di adattarsi alla prudenza invocata;
– Chi invece non crede alle parole e si allarma per gli effetti concreti delle frequentissime comparsate di un Giuseppe Conte, impeccabile nel ruolo di “comandante in campo” ma con la pecca di non avere la situazione sotto controllo, troppo attento a giustificare il suo operato “sentiti i tecnici”.

Un disastro comunicativo che ha rallentato enormemente l’adeguamento della popolazione alle più sane e responsabili modalità utili a affrontare una emergenza che mette a rischio  la vita di molti e non solo “degli anziani”,  come per molti giorni hanno tento di giustificare pensando di ridurre l’allarme, sia navigati politici che giornalisti un po’ distratti, come se gli anziani avessero minore dignità e diritto a una vita sana.

Insomma meglio gli anzianotti di altri, sembrava il messaggio sottostante.

Ma a fronte di questo teatrino ridicolo  c’era un servizio sanitario che si dimostrava impeccabile. Tamponi su tamponi, riorganizzazione di reparti, allargamento delle aree di clinica, apertura di triage esterni, ricerca scientifica sulle molecole del virus, richiamo dei medici e degli infermieri in pensione e inserimento dei medici militari, adattamento a turni infernali del personale medico e paramedico ai quali è stato chiesto sacrificio in termini di salute e di isolamento dagli affetti familiari.

Di fatto una reale emergenza improvvisa che ha quindi colto impreparata mezza Italia e gli ospedali stessi che si sono trovati decine e decine di pazienti alle porte, alcuni gravissimi, ai quali dare un’assistenza e nel frattempo a ricercare il fantomatico paziente zero.   Stranamente tutto partiva dal paziente numero 1, peraltro uno sportivo 38enne ancora in terapia intensiva.

Mentre gli ospedali si muovevano rapidamente verso il collasso per la concentrazione contemporanea di molti, troppi contagiati, ogni 12 ore un bollettino “di guerra” aggiornava sullo stato del contagi; degli infettati, dei morti e delle nuove zone aggredite dal coronavirus.

E così ci accorgiamo che dopo la Cina i malati si contavano praticamente soltanto in Corea del Sud, in Iran, e in Italia.

E guarda caso, come d’incanto, l’Italia diventa il bersaglio preferito di mezzo mondo e in tutto questo dall’Unione Europea il nulla, solo silenzio.

Un silenzio assordante, spaventosamente chiassoso. Un continente dove al solo contagiato Belga (ovviamente infettato a Lodi) si associavano circa 130 morti e 81000 contagiati tedeschi, ma di sola influenza, si sono preoccupati di dire, e i cuginetti francesi che invece avevano testato la malattia con soli 300 tamponi, gli stessi che nel medesimo periodo in Italia erano stati utilizzati nella sola provincia di Piacenza, si divertivano a schernirci come nella più classica delle tradizioni transalpine.

Canal+ se ne è uscito con quel vergognoso spot “Corona Pizza” di dubbia eleganza e nemmeno spiritoso come d’altra parte ben poco spiritose furono le vignette di Charlie Hebdo sul ponte di Genova, sul terremoto del Centro Italia, o di altri fumettisti sia francesi che  tedeschi (vedi la raccolta in gallery).

Il nostro tafazzismo è stato perciò accolto a braccia aperte dai nostri splendidi alleati per schiacciarci ancor più economicamente fingendo, con la complicità dei vertici della UE (Gentiloni compreso), di essere praticamente immuni dal coronavirus solo per il fatto di non averlo cercato.

Ma adesso l’inganno sta per uscire allo scoperto  in tutta la sua gravità e quel contagiato numero “zero” italiano non si trovava per il solo fatto che era un manager tedesco di 33 anni che aveva ereditato il virus (24 gennaio!!) da una collega di Shangai e poi portato all’interno del nostro territorio. Il sospetto è diventata certezza quando nelle scorse ore finalmente i tedeschi hanno ammesso di avere i focolai come in Italia e Francia e predisposto anch’essi la chiusura delle scuole e individuate le zone rosse nel Nordreno-Vestfalia.

E allora adesso basta! Di questa infame Europa non se ne può più. Complice nel silenzio pur di far piacere alla Merkel. Una Unione Europea sempre più simile a uno scassato condominio (Condominio Europa) con una pettegola per portinaia.

Una UE, che sino a pochi giorni prima del virus, tutti sacrosanti giorni mandava in TV qualcuno a raccontare di quanti peli era composto il lato B di chiunque, preferibilmente italiano, che ogni tre per due imponeva nuove regole e sindacava su ogni parola che non fosse inquadrabile perfettamente nella classificazione del “politically correct”, da oltre un mese tace su tutti i fronti e soprattutto non ha speso parola per il coronavirus.

Ci accorgiamo quindi che l’inutile e costoso apparato burocratico europeo aveva dimenticato di pianificare un protocollo di emergenza sanitaria e quel che è peggio non è intervenuta  a sostegno di una nazione in difficoltà rendendosi complice della negligenza “mortale” dei tedeschi, dei francesi e probabilmente di tutti gli altri paeselli dell’area di influenza germanica.

Ebbene, ancora pochi giorni e il coronavirus si scoprirà diffuso in tutto il mondo e in Europa a portarlo sono stati proprio i tedeschi i quali, solo venerdi 6 marzo, hanno ammesso di avere circa 700 casi in 24 ore e che a portarlo non sono stati gli italiani.

Una ammissione tardiva che giunge all’indomani di una inguardabile infografica diffusa dalla CNN in cui vengono elencati i paesi infettati a partire dall’Italia.

Un danno di immagine e economico difficile da quantificare e soprattutto un danno alla nostra salute per aver taciuto dei loro focolai e conseguentemente per non essere intervenuti, almeno in misura analoga all’Italia,  a contenere il virus della cui aggressività reale si saprà solo fra qualche anno perché ora sembra classificato “TOP SECRET”. Bocche cucite tra i medici e nessun comunicato stampa si è visto pervenire dalle ASL. Di risultati di autopsie non vi è traccia e tuto ciò fa pensare che sotto i ferri dei medici legali si sia trovato qualcosa di molto strano e forse sconosciuto, dalla forza devastante nell’area polmonare e bronchiale.

Supposizioni, ovviamente, ma legittimate dal silenzio inquietante che è calato sulla malattia e sugli effetti.

Alla fine di questo pesantissimo periodo si dovrà ripensare alla nostra posizione all’interno dello scacchiere occidentale, alla nostra posizione cooperativa nei confronti di una UE inutile e dannosa, arrivando a riposizionarci su posizioni autarchiche almeno per quanto concerne i prodotti strategici: agricoltura (latte compreso) di cui siamo altamente deficitari per avere ottemperato alle direttive socio economiche della CEE 159. 160 e 161 del 1972  e ai “Montanti Compensativi” a favore della Germania che poi diedero origine ai regolamenti sulle quote latte) e quant’altro fosse necessario per la nostra salute e difesa.

Infine sarebbe opportuno  fare la conta dei danni e chiedere il risarcimento anche ai vertici UE, per non essere intervenuti sul fronte sanitario e avere assecondato il mimetismo di Germania, Francia e degli altri Paesi  UE che hanno così penosamente mascherato la bomba sanitaria del coronavirus, pregiudicando il contenimento del contagio e favorendo il decesso, presumibilmente, di centinaia di migliaia di persone, anziani o meno che saranno, schernendo gli italiani che invece, con tutti i difetti sopra descritti, hanno affrontato da soli e responsabilmente, una emergenza epocale.

 

Links:
https://www.welfarenetwork.it/coronavirus-la-germania-ammette-abbiamo-focolai-come-italia-e-francia-20200307/

https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/18735-anche-il-die-welt-interviene-sull-italia-ma-se-pensassero-ai-problemi-loro.html

https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/7331-la-portinaia-del-condominio-europa.html

https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/26026-ciaone-italiani-prima-vi-spolpiamo-e-poi-ce-ne-andiamo.html

https://www.gazzettadellemilia.it/politica/item/26772-tafazzi-gongola-col-covinps-19-e-dimentica-il-referendum-costituzionale-del-29-marzo.html

https://www.gazzettadellemilia.it/cronaca/item/26812-germania,-cade-la-balla-dell-influenza-e-comunque-sono-stati-pi%C3%B9-astuti-o-quantomeno-discreti-di-noi.html

_____

 

(Per leggere i precedenti editoriali clicca qui)