Una lenta agonia: “Breath Play”, No Grazie

Una lenta agonia: “Breath Play”, No Grazie

E’ arrivata un nuovo giro di vite alla “garrota”, tanto inutile quanto invece dannoso per il procrastinare in avanti l’orizzonte della ricostruzione. Ogni giorno 

sprecato sono miliardi che se ne vanno e imprenditori sfiancati che pensano di ritirarsi dalla corsa.

Di Lamberto Colla Parma 12 marzo 2020 – Basta Presidente! Nonostante abbia ricevuto il plauso di tutte le forze politiche per le nuove disposizioni introdotte con il DPCM del 11 marzo, riteniamo che ancora non sia sufficiente quanto imposto.

Non si fa altro che allungare l’agonia e i 15 giorni che Lei ha indicato non saranno sufficienti e allora si vedrà costretto allungare il periodo e a consentire a un ulteriore giro di vite.
Per quanto il
tafazzismo sia dilagante, siamo molto distanti dal masochismo e ancor più dal Breath Play, quella pratica erotica per la quale alcuni raggiungono l’orgasmo attraverso il soffocamento.

Esimio Presidente Giuseppe Conte, ben vengano le sue lusinghiere parole verso i comportamenti degli italiani, comunque mi auguro non fossero a riferimento di coloro che presero d’assalto i treni a Porta Garibaldi la notte dell’8 marzo, per fare rientro al Sud, ma lasciare ancora semi aperte delle porte consente al virus di propagarsi senza che l’economia riceva alcun beneficio.

Meglio sarebbe stato concedere alcuni giorni alla popolazione per riorganizzarsi (indicando le modalità per attuarlo), quindi chiudere tutto, passare a sanificare tutte le strade dei centri abitati, vigilare sulle “fughe” ma al contempo sostenere chi si trovasse in difficoltà a causa dell’isolamento. Arrivare anche impiegare l’esercito in sostegno alla protezione civile, alla sicurezza (forze dell’ordine) e ai vari servizi di volontariato che si stanno impegnando dove lo Stato non riesce o non può arrivare.

Allora sì che presumibilmente nel giro di 15 giorni si sarebbe raggiunto l’obiettivo e se non fossero stati 15 sarebbero divenuti trenta, mentre così procedendo l’orizzonte si allontana e le tenebre caleranno, ancor più pesantemente, sulle famiglie, sulle imprese, sul lavoro e quindi sulla tenuta sociale di questo meraviglioso Paese.

Signor Presidente, prima usciamo da questo tunnel, prima risorgeremo e prima andremo a “fare i conti” con i nostri splendidi alleati.

La prego, assuma la responsabilità e l’autorevolezza del “comandante in campo”.
Se avrà il coraggio di raccontare onestamente come stanno le cose e quale è l’obiettivo, gli italiani la seguiranno, diversamente andremo a schiantarci e … non voglio nemmeno immaginarmi lo scenario post “coronavirus“.

Forza, l’Italia s’è desta!