La comunicazione per accedere al bonus pubblicità 2020

La comunicazione per accedere al bonus pubblicità 2020

Di Mario Vacca Parma, 1 settembre 2020 – Dall’01 al 30 settembre è possibile inoltrare al Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri – unicamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate – la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta investimenti pubblicitari (c.d. bonus pubblicità)

effettuati o da effettuarsi nell’anno 2020 come previsto  dall’articolo 5, comma 1, del D.P.C.M. n. 90 del 2018. Gli investimenti pubblicitari effettuati o da effettuarsi nell’anno 2020 beneficiano di un regime straordinario di accesso al credito d’imposta, misura originariamente istituita per l’anno 2018 dall’articolo 57-bis del D.L. 50/2017, convertito con modificazioni in Legge 96/2017.

Il Regime particolare  è introdotto con la finalità di contrastare la crisi degli investimenti pubblicitari generata dall’emergenza sanitaria connessa al  Covid-19, tramite i seguenti due interventi:

  • l’articolo 98, comma 1, L. 18/2020 (c.d. Decreto Cura Italia),  ha abrogato il requisito di investimento incrementale e fissato l’aliquota unica al 30%;
  • l’articolo 186 L. 34/2020 (c.d. Decreto Rilancio), che ha potenziato l’intensità del credito d’imposta, mediante incremento dell’aliquota dal 30% al 50% e contestuale innalzamento del tetto di spesa annuo a 60 milioni di euro.

Con  la circolare   dell’Agenzia delle entrate n. 25/E/2020 sono stati espressi tutti i  chiarimenti circa i requisiti per beneficiare del credito d’imposta investimenti pubblicitari nell’anno 2020.

Tale credito  è riconosciuto in relazione agli investimenti pubblicitari effettuati sui seguenti mezzi di informazione:

  • su giornali quotidiani e periodici, anche online, entro un limite di 40 milioni di euro di risorse stanziate;
  • su emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato, entro un limite di 20 milioni di euro di risorse stanziate.

Non è rilevante l’ordine cronologico di trasmissione per la concessione dell’agevolazione  ed in caso di insufficienza delle risorse disponibili si provvederà al riparto in misura percentuale tra i soggetti ammessi.

Il modello di comunicazione da utilizzare è stato aggiornato il 27.08.2020 con le novità apportate dal Decreto Rilancio e la procedura è disponibile nella sezione dell’area autenticata “Servizi per” alla voce “Comunicare”, accessibile con le credenziali Entratel e Fisconline, SPID o CNS.

L’iter verrà completato con l’invio tramite la stessa modalità telematica – tra l’01 gennaio 2021 ed il 31 gennaio 2021 –  della  dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettivamente realizzati.

Titolari di reddito d’impresa, lavoratori autonomi ed enti non commerciali sono i beneficiari della norma istituita.

La circolare dell’ AdE sopra richiamata chiarisce – tra l’altro – che il credito d’imposta spetta in relazione agli investimenti effettuati nell’anno 2020, e non risulta necessario tanto il sostenimento di analoghi investimenti  nell’anno precedente quanto il calcolo del  valore incrementale degli investimenti superiore all’1% di quelli dell’anno precedente.

Vi è da ricordare che siffatte agevolazioni rispetto ai bonus precedenti determinano un allargamento della platea dei soggetti beneficiari.

_____________________

Chi è Mario Vacca

Mi presento, sono nato a Capri nel 1973, la mia carriera è iniziata nell’impresa di famiglia, dove ho acquisito la cultura aziendale  ed ho potuto specializzarmi nel management dell’impresa e contestualmente ho maturato esperienza in Ascom Confcommercio per 12 anni ricoprendo diverse attività sino al ruolo di vice presidente.
Queste capacità mi hanno portato a collaborare con diversi studi di consulenza in qualità di Manager al servizio delle aziende per pianificare crescite aziendali o per risolvere crisi aziendali e riorganizzare gli assetti societari efficientando il controllo di gestione e la finanza d’impresa.
Nel corso degli anni le esperienze aziendali unite alle attitudini personali mi hanno permesso di sviluppare la capacità di anticipare e nel contempo essere un buon risolutore dei problemi ordinari e straordinari dei miei clienti.
Per migliorare la mia conoscenza e professionalità ho accettato di fare esperienza in un gruppo finanziario inglese e, provatane l’efficacia ne ho voluta fare una anche in Svizzera.
Queste esperienze estere hanno apportato conoscenze legate al Family Business, alla protezione patrimoniale tanto per le imprese quanto per i singoli imprenditori ed all’attenzione per l’armonizzazione fiscale tra le diverse realtà ed al rischio d’impresa.
Mi piace lavorare in squadra, mi piace curare le pubbliche relazioni e, sono convinto che l’unione delle professionalità tra due singoli, non le somma ma, le moltiplica.
Il mio impegno è lavorare sodo ma, con etica, lealtà ed armonia.

Contatto Personale: mvacca@capri.it