Cereali e dintorni. Dall’USDA segnali positivi.

Cereali e dintorni. Dall’USDA segnali positivi.

Dall’USDA: Complessivamente è un report neutrale/supportivo per il mais, neutrale/debole per il grano e tendente al rialzo per la soja. Il seme a Chicago ha toccato venerdì scorso il massimo da 2 anni.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 12 ottobre 2020 – la tempesta perfetta continua e i segnali indicano  che potrebbe proseguire sino ai prossimi raccolti del Sud America:

L’ USDA di venerdì sera è così riassunto da Grain Services “Report USDA USA,stock fine campagna 2020/21:

-Mais a 55mtm,vs le 54,1mtm delle attese e le 63,4mtm di settembre; neutrale.

-Soja a 7,9mtm,vs le 9,8mtm delle attese e le 12,5mtm di settembre;tendente al rialzo. L’agenzia stima a 980cts/bushel il prezzo per i produttori,il derivato,venerdì, ha chiuso a 1065,5.

-G.t. 24mtm,vs le 24,2mtm delle attese e le 25,2mtm di settembre; neutrale.

-NS a 7,84mtm,vs le 8,63mtm di 12 mesi fa’;s upportivo.

Mondo, stock fine campagna 2020/21:

-Mais a 300,5mtm,vs le 300,1mtm delle attese e le 307mtm di settembre; neutrale/positivo.

-Soja a 88,7mtm,vs le 91,4mtm delle attese e le 93,6mtm di settembre; tendente al rialzo.

-G.t. a 321,5mtm,vs le 317,2mtm delle attese e le 319,4mtm di settembre; neutrale/debole.

Complessivamente è un report neutrale/supportivo per il mais, neutrale/debole per il grano e tendente al rialzo per la soja. Il seme a Chicago ha toccato venerdì scorso il massimo da 2 anni. Per quest’ultimo prodotto si accendono i fari sulla produzione in Sud America e Brasile in particolare. Visti gli stock USA, ogni danno climatico avrebbe sensibili ripercussioni.

Và anche detto che i prezzi scontano già in buona parte uno scenario rialzista e abbiamo, per mais e soja un ‘lungo’ notevole da parte degli speculatori e( fondi) un ‘corto’ identico da parte dell’industria. Qualcuno si farà male. Nel lungo periodo vincono quasi sempre gli industriali, non hanno gli ‘stop loss’da rispettare.

Continua il deficit idrico in Nord/Sud America e Russia”

Purtroppo ci resta poco da fare, se non attendere che i fondi prendano profitto anche se, mentre scriviamo, gli aumenti continuano. sempre più concreto il futuro con il 4 come prima cifra del comparto soya.

Con quanto sopra tutto in rincaro ma in un mercato che non assorbe ulteriori  quantità e questo complica, non poco, le transazioni e aumenta i rischi.

Per il mondo dei Biodigestori opportunità su farine di mais e vari prodotti che adesso abbondano in quanto tutti hanno trinciato o pastone. Probabilmente è meglio fare coperture adesso, che sono in pochi ad agire sui sottoprodotti, che non in seguito quando da marzo aprile in poi gli operatori diventeranno numerosi.

Indicatori internazionali 12 ottobre 2020
l’Indice dei
noli è con ridisceso a 1.890  punti, il petrolio sfiora i 40,00 $/bar  e l’indice di cambio €/$ segna 1,18101 ore 9,18

 

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

http://www.andalini.it/it/