Cereali e dintorni. Fuga in avanti!

Cereali e dintorni. Fuga in avanti!

Le importazioni di soia dalla Cina nel 2020 raggiungeranno il nuovo record di 100 milioni di tonnellate.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 18 novembre 2020 – Il mercato è sempre in fuga e queste sono le chiusure di ieri sera 17/11:

Uno dei motivi di questa ripresa dei mercati potrebbe essere quanto riporta AgriCensus:

“China 2020 soybean imports to hit new record of 100m mt: USSEC China is expected to import a new record high of 100 million mt of soybeans this calendar year, despite concerns for weak global demand amid the ongoing Covid-19 pandemic and lingering US-China tension, said a senior representative from the US Soybean Export Council (USSEC) at an industry event on Tuesday.

The world’s largest soybean importing country is likely to clear an all-time high level of soybeans in 2020, exceeding the previous record of 95.54 million mt imported in 2017, according to data from China Customs. “Soybean imports this year are likely to hit more than 98 million mt, probably close to 100 million mt,” said Zhang Xiaoping, a director at USSEC, during the Global Grains conference.

China has already imported 83.21 million mt of soybeans between January and October this year. And imports for November and December are expected to average 9 million mt respectively, according to trade data collected by Agricensus. China’s soybean imports are on track to reach a record high this year against the backdrop of sinking global commodity demand due to the pandemic, with the increase in imports coming as the country’s pig producing sector consolidates after the African swine fever outbreak.

Zhang expected Covid-19 to have had a limited impact on China’s pork market and animal feed demand, adding that “African swine fever (ASF) was the main factor”. Scaled farming is expected to account for more than 60% of China’s hog production in the next five years as small farmers exit the market due to financial losses caused by ASF.

This means that more soybean will be imported to produce animal feed for those scaled farms instead of small farms that used to feed pigs with food wastes.

Le importazioni di soia dalla Cina nel 2020 raggiungeranno il nuovo record di 100 milioni di tonnellate.

La Cina dovrebbe raggiungere un nuovo record di importazioni di 100 milioni di tonnellate di soia quest’anno, nonostante le preoccupazioni per la debole domanda globale a fronte della pandemia di Covid-19 in corso e alle persistenti tensioni tra Stati Uniti e Cina, come affermato un alto rappresentante del Consiglio statunitense per l’esportazione di soia (USSEC) in un evento del settore martedì.

Secondo i dati della China Customs, il più grande paese importatore di soia al mondo probabilmente supererà il livello più alto di tutti i tempi di semi di soia nel 2020, superando il precedente record di 95,54 milioni di tonnellate importate nel 2017.

“È probabile che le importazioni di soia quest’anno raggiungano più di 98 milioni di tonnellate, probabilmente vicino a 100 milioni di tonnellate”, ha detto Zhang Xiaoping, direttore dell’USSEC, durante la conferenza Global Grains.

La Cina ha già importato 83,21 milioni di tonnellate di soia tra gennaio e ottobre di quest’anno. E le importazioni per novembre e dicembre dovrebbero raggiungere una media rispettivamente di 9 milioni di tonnellate, secondo i dati commerciali raccolti da Agricensus.

Le importazioni cinesi di soia sono sulla buona strada per raggiungere un livello record quest’anno nonostante lo scenario generale del crollo della domanda globale di materie prime a causa della pandemia, con l’aumento delle importazioni in arrivo mentre il settore della produzione di suini del paese si consolida dopo lo scoppio della peste suina africana.

Zhang aveva previsto che il Covid-19 avrebbe avuto un impatto limitato sul mercato cinese della carne suina e sulla domanda di mangimi per animali, aggiungendo che “la peste suina africana (PSA) sarebbe stata il fattore principale”.

Si prevede che l’allevamento industriale rappresenterà oltre il 60% della produzione suina in Cina nei prossimi cinque anni, quando i piccoli agricoltori usciranno dal mercato a causa delle perdite finanziarie causate dalla PSA.

Ciò significa che verrà importata più soia per produrre mangime per animali per le sopracitate fattorie industriali, quando invece le piccole fattorie erano solite nutrire i maiali con rifiuti alimentari.”

Siamo in crisi….. in un momento in cui i consumi non brillano, le trasformazioni zootecniche soffrono, abbiamo i proteici cari e rischiano di diventare più cari, i cereali che sono cari, e potrebbero rincarare, non come i proteici ma rincarare, inoltre mancano sul mercato proteici di ripiego

Indicatori internazionali 17 novembre 2020
l’Indice dei
noli B.D.Y. è leggermente sceso a 1.111  punti, il petrolio sfiora i 41,50 $/bar  e l’indice di cambio €/$ segna  1,18666 ore 10,30.

 

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale.

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

http://www.andalini.it/it/