referendum costituzionale

SI o NO? Il 20 e 21 settembre si andrà al referendum costituzionale confermativo. Come la pensano alcuni leader?

SI o NO? Il 20 e 21 settembre si andrà al referendum costituzionale confermativo. Come la pensano alcuni leader?

Presto il popolo italiano sarà chiamata a esprimersi sul taglio dei parlamentari. Un appuntamento importante che potrebbe intaccata la Costituzione Italiana  attraverso un Referendum Costituzionale Confermativo (quindi NON abrogativo come eravamo abituati in passato) e valido con qualsiasi percentuale di votanti (senza quorum).

Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari, quello che occorre conoscere

Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari, quello che occorre conoscere

– Il Quesito stampato sulla scheda: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente «Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari», approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.240 del 12 ottobre 2019?”. 

L’Italia s’è desta

L’Italia s’è desta

referendum-quesito-4dicembre2016-1Referendum Costituzionale. Gli italiani sono andati a votare in massa. Il dato definitivo parla di un’affluenza del 68,48%. Secondo quanto diffuso dalla Farnesina, all’estero ha votato il 30,89% degli aventi diritto.

di Lamberto Colla Parma 5 dicembre 2016 – Il popolo ha deciso senza indecisioni e senza lasciare ombre interpretative. Quasi il 60% (59,5%) degli elettori ha detto NO! 

Nonostante non fosse necessario il raggiungimento del “quorum”, l’affluenza alle urne è stata imponente sin dalle prime ore della giornata e già alle 19,00 aveva votato ben oltre il 50% degli aventi diritto (57,87%). Infine è stato “forte e chiaro” anche il messaggio finale: “Vogliamo essere ascoltati”

Ha vinto il popolo e non il populismo

Il tanto temuto “rigurgito populista”, più volte evocato dalla stampa finanziaria internazionale, non c’è stato ma una “rivolta” popolare matura e democratica Sì.

Ancora una volta, il pacifico popolo italico, ha dimostrato di pretendere il cambiamento attraverso l’esercizio del “voto” e pretende una rappresentanza popolare, come peraltro uscì dal sondaggio on line del 2013 e ben rappresentato dal RAPPORTO FINALE della “Consultazione pubblica sulle riforma costituzionali”.

Pretende che il Governo e il Parlamento “operi” nell’interesse collettivo e del paese e si assuma le responsabilità delle scelte. Un segnale forte già lo scorso aprile non venne correttamente interpretato, quando al referendum sulle trivelle  si presentò solo il 31,2% degli aventi diritto. Il quorum non si raggiunse e la palla amministrativa, relativamente al rinnovo del contratto di estrazione, venne rilanciata agli organi preposti.

Insomma gli Italiani stanno dimostrando una pazienza quasi infinita e una estrema fiducia e rispetto per le proprie istituzioni dalle quali pretende altrettanto rispetto e fiducia.

Basta raccontare “balle”, basta omettere le verità, basta ascoltare gli opinion esterni, basta considerare il popolo come un soggetto unico e credulone.

Renzi ha perso nel momento in cui ha smarrito il contatto con il Paese e il Paese non lo ha perdonato perché su di lui contava moltissimo.

Cosa accadrà

Coerentemente, emozionato e rammaricato, Matteo Renzi, poco dopo la mezzanotte, ha ammesso la sconfitta e ha annunciato che “la mia esperienza di governo finisce qui”.  Si è assunto, con onore, la responsabilità dell’errore iniziale, di avere voluto personalizzare una campagna referendaria pensando di avere una incondizionata fiducia della base.

Invece la fiducia “record” che si era conquistato se la è mangiata via via nel tempo quando smise di ascoltare i “rumor” della base e il colpo di coda degli ultimi due mesi non sono stati sufficienti a colmare lo strappo con gli italiani.

E pensare che dell’energia e intelligenza di un “Matteo Renzi” l’Italia ne ha bisogno.

Faccia l’ex premier un mea culpa e si attrezzi per tornare a guidare l’Italia con rinnovato spirito e tornando a ascoltare gli elettori che da sinistra e da destra gli avevano dato ampia fiducia.

Da oggi invece si aprirà una stagione di nuovi conflitti (presumibilmente sulla legge elettorale) e di rinnovamento radicale  all’interno dei partiti. Dal PD con le annesse frange del centro destra che si allearono, a Forza Italia, passando per la Lega si arriverà alla resa dei conti.

Si transiterà forzatamente attraverso una stagione di Caos, che si auspica la più breve possibile, per approdare alla nuova stagione di stabilità dove si potranno e dovranno affrontare le riforme, quelle pretese dagli italiani e non da altri. 

Per il momento ci attendono altri mesi di incertezza e i cronici problemi connessi alla disoccupazione e al rilancio dell’economia, resteranno ancora una volta in sospensione. 

Ora tocca al Presidente Mattarella decidere se incaricare nuovamente Renzi, oppure di orientarsi verso un Governo Tecnico guidato, presumibilmente, dall’ex Ministro all’economia Padoan, in alternativa al presidente del Senato Grasso, oppure di sciogliere le camere e chiamare alle urne gli italiani  con l’attuale legge elettorale.

Qualunque decisione adotterà il Presidente della Repubblica sarà imperfetta e perciò meglio che sia rapida. Gli Italiani lo pretendono così come pretendono che ci si occupi di loro.

 20151215-renzi_hollande_parigi4

SOMMARIO Anno 15 – n° 48 04 Dicembre 2016

SOMMARIO Anno 15 – n° 48 04 Dicembre 2016

CibusonlineLogos03Editoriale: Si o No? le due principali DOP prendono il volo. Sempre la solita storia, basta con i ricatti! Cereali e dintorni. More →