Nuova zappatrice rotativa EL 162-300 BIOMULCH  

0
130

Milano, 23 marzo 2022 – 

La zappatrice rotativa EL BIOMULCH è un nuovo modello con una larghezza di lavoro di 3 m e per trattori di potenza non superiore ai 165 CV. È stata sviluppata per il mescolamento dei residui con il terreno a una profondità di lavoro di 3-6 cm e a una velocità massima di lavoro di 10 km/h.   

L’EL BIOMULCH è stata progettata per la rottura delle cover-crop o prati e per il mescolamento di concimi organici o ancora una lavorazione del terreno superficiale. Il rimescolamento del terreno con i residui vegetali, creato quando si lavora a pochi centimetri, facilita la trasformazione dei residui colturali in materia organica. Questa tecnica, nota anche come “biofumigazione”, favorisce la decomposizione della componente vegetale aumentando la percentuale di sostanza organica nel suolo e preservando l’attività biologica. La nuova zappatrice rotativa è quindi un’efficace alternativa ai diserbanti chimici per applicazioni con tecniche di lavorazione semplificate e per l’agricoltura biologica.    

Per miscelare nel migliore dei modi le cover-crop più voluminose, l’EL BIOMULCH si può combinare con un trincia BP 305 PRO (frontale).  

La zappatrice rotativa EL BIOMULCH è caratterizzata dalle 3 seguenti caratteristiche. 

Quattro ruote anteriori: per garantire una profondità di lavoro costante e favorire una stabilità ottimale della macchina, assicurando il rispetto della profondità di lavoro ridotta di 3 – 6 cm. 

Zappette speciali: le nuove zappette, appositamente progettate, presentano eccellenti capacità di miscelazione di terreno e vegetali (cover-crop o prati) e garantiscono un taglio pulito delle radici delle erbe infestanti. Le nuove zappe curve a 95° eseguono lavori poco profondi coprendo tutta la superficie.     

Cofanatura posteriore con regolazione idraulica: il sistema di regolazione idraulica della cofanatura posteriore consente un controllo ottimale dell’affinamento terreno lavorato e della miscelazione in qualsiasi condizione. L’intensità di miscelazione si può gestire facilmente dalla cabina del trattore tramite la regolazione idraulica.  

Google search engine