DOVE CI PORTA LA DEGUSTAZIONE – Ansitz Dolomytos Sacker

0
121

Si è trattata di una edizione della quale parleremo in seguito, ma nel frattempo le degustazioni devono andare avanti e quindi eccoci con una tenuta che Andre ci vuole presentare perché davvero speciale nel panorama locale.

Con le prossime riaperture e quindi i liberi accessi a cantine e centroi storici, ecco una proposta che potrebbe risultare di nicchia e veramente interessante, quindi dove ci porti oggi Andre ?

Ci troviamo a Bolzano, più precisamente sull’altipiano del Renon, luogo caratteristico e veramente speciale sul quale si inerpica questa tenuta. A dire la verità, non c’è molta strada, ma quella per arrivare in cima all’ Ansitz Dolomytos Sacker è molto impervia e ripida e ci si impiega tempo, ma anche per questo meritevole di essere descritta. 

Ad ogni tornante si apre un nuovo scenario, la fanno da padroni i rilievi del Catinaccio e dello Sciliar, tanto che merita fermarsi spesso per scattare foto. E’ davvero difficile resistere. 

(1)

Ansitz Dolomytos Sacker Skythos Vino Rosso | enoteca online

Attualmente alle guida del maso c’é Norbert Marginter e appena si arriva a destinazione se ne coglie il valore, perché parliamo di una struttura dall’aspetto antico, sulle quali pareti ci sono alcuni dipinti di chiara estrazione esoterica che incuriosiscono.

(2)

Siamo in un vecchio maso, una volta chiamato Sacker, di proprietà della Chiesa, dove è documentata la produzione di vino già dal 1320. 

Il nome Dolomytos è stato scelto da Rainer Zierock alla fine degli anni ’90, quando egli ha lavorato qui portando avanti i suoi esperimenti enologici. Zierock è stato decisamente un personaggio particolare, che ha attraversato come una meteora il paesaggio dell’enologia italiana. Enologo tedesco, ma mai definizione è stata più riduttiva perché gli si può attribuire anche la creazione di molti altri vini come ad esempio: il Granato del Az. Agricola Foradori, il primo Blauwal Spumante di Cesconi, il primo Phineas I di Arunda nonché la mano precisa su alcuni vini di Lageder Alois per citarne solo alcuni.

Sono arrivato troppo tardi nel mondo del vino per conoscerlo, ma se ne parla come di un genio, coraggioso ed estremo nelle sue scelte. Studioso di filosofia e di discipline esoteriche, capace di mescolare interessi da più parti ed adattarli al mondo che lo circondava. Tutto parla di Zierock, in quest’azienda, sono infatti sue le scelte architettoniche e le decorazioni simboliche, suoi gli impianti dei vigneti con più di 150 vitigni diversi per poter sperimentare più liberamente, nonché l’attuale proprietario Norbert che ne parla spesso divertito e ammirato, senza tralasciare quel suo scintillio che esaltava gli occhi di quel genio pazzo di Rainer.

In totale l’azienda dispone in vigna di, di due ettari e mezzo a 500 metri d’altitudine, caratterizzando un paesaggio davvero incredibile. Mi chiedo se ci si potrà mai abituare a lavorare in un contesto così bello, ma la famiglia Marginter che ha acquistato la proprietà nel 2013 e che la porta avanti cercando di rispettarne la storia, è ben conscia dell’unicità di questa esperienza.

Hanno ripreso a produrre il Dolomytos, la creazione di Zierock dopo l’acquisto della tenuta; parliamo di un bianco fatto con uve Sauvignon blanc, Riesling, Pinot grigio, Pinot bianco, Assyrtico, vitigno greco introdotto in Alto Adige proprio dal professore tedesco, più altre uve varie. 

Il vino viene poi invecchiato due anni in cigaryllos, botti da 150 litri, misura che Zierock riteneva ideale per questo vino.

Inoltre Rainer per lo stesso vino realizzava numerose etichette in edizione limitata, molte delle quali vi riporto sotto per mostrarvele.

(3-4-5 e b1)

Dolomytos 2007 creato da Rainer Zierock:

Il vino si presenta con un bellissimo colore giallo ambrato intenso e brillantissimo. Al naso rivela straordinaria freschezza che si esprime in sentori di frutta candita, fiori appassiti e note di noce moscata fino ad arrivare allo zenzero. Un vino non per tutti, in cui le erbe aromatiche regalano una grande spinta aromatica, che a distanza di anni sta dando il meglio di sé. Al sorso è avvolgente, rotondo ed allo stesso tempo energico, tanto da pensarlo come un vino da meditazione in grado di stupire in grandi abbinamenti, al fine di creare nuove sensazioni gustative.

Abbinamento con Risotto mantecato con la cipolla bionda, spuma al Graukäse (formaggio tipico della Valle Aurina) e erba cipollina.

Dolomytos 2014 creato da Norbert Marginter:

Cuvèe bianca "Dolomytos" Ansitz Dolomytos 2015 0.75 l » Vendita Online -  Pur Südtirol

Colore giallo dorato intenso e vivace. Al naso emergono la ginestra appassita e frutta di pesca, mela cotogna, lieve sensazione speziata di pepe bianco. Al sorso teso, con la stoffa per invecchiare ed avvicinare il suo antenato creato dal genio di Rainer Zierock.

Google search engine