Cereali e dintorni. Utile mantenere riforniti i magazzini.

0
435

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini 

Una sommatoria di gravi problemi impedisce ai mercati quotazioni in ribasso e stabili. Solo aggiustamenti.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 24 marzo 2022 – A seguire le chiusure di ieri sera 24/3/2022:

(tra parentesi le variazioni sulla seduta precedente in cent. di dollaro per Bushel per semi corn e grano in Dollari per tonnellata corta per la farina)

Mentre scriviamo il mercato telematico è in ribasso su tutti i fronti!

Sino a che ci sarà la guerra l’orizzonte sarà pesantemente instabile sul pronto ed incerto sui futuri, nessuno si sbilancia con le quotazioni oltre il primo semestre 2022. 

Qui sui nostri mercati la situazione non muta, anzi i problemi potrebbero aumentare nel mese di aprile, anche se ci si augura non sia così. 

All’orizzonte invece vi sono i problemi concreti dovuti alla siccità. L’ultimo Bollettino (23 marzo) dell’Autorità Di Bacino Distrettuale del PO ha dichiarato: “Nell’ultimo mese il deficit di pioggia è di -92% sull’intero Bacino. Portate in calo in tutte le sezioni di riferimento”. Analogamente il comunicato stampa della Associazione Irrigazione Est Sesia ha dichiarato un vero e proprio stato di crisi idrica. In effetti sono oltre 100 giorni che non piove in modo significativo e le riserve nevose sui monti sono molto ridotte! 

A tutto ciò aggiungiamo il caro energia e il caro fertilizzanti; come si può pensare positivo a mercati in ridimensionamento? 

Il calo registrato a Verona e poi quello successivo di Milano, e penso all’odierno di Bologna sono solo un aggiustamento dopo i violenti rincari.  

Morale il mercato permane e resterà su valori alti, a meno di eventi oggi imponderabili. 

L’altra grande problematica è la scarsità di prodotti disponibili sul mercato, l’incertezza della esecuzione dei contratti a buon prezzo. Stiamo infatti assistendo ad una pioggia di richieste di “aggiustamento del prezzo per rincari della logistica” “inadempienze” “ritardi di esecuzione” e specialmente “esecuzione selettiva” dei contratti, cioè eseguo quelli più convenienti e quelli meno vanno a rilento. 

 Purtroppo, stanno saltando regole ed etiche commerciali, non ci resta che sperare/pregare che la guerra finisca presto. Più che mai è utile avere magazzini sempre ben forniti. 

Intervista Boggini sulla situazione delle materie prime e delle conseguenze della Guerra in Ucraina:: https://www.ruminantia.it/ucraina-disponibilita-e-prezzi-delle-materie-prime-le-considerazioni-di-mario-boggini/

INDICI INTERNAZIONALI 24 MARZO 2022

L’indice dei noli B.D.Y è stabile a 2.575 punti, il petrolio wti è stabile a circa 115 $ al barile, e il cambio gira a 1,09814 ore 8,07.

 

Vi segnaliamo 3 link interessanti https://youtu.be/dwj32baom5A  

YT – https://youtu.be/Gydsyq4BryM  

Ruminantia – https://www.ruminantia.it/la-tempesta-perfetta-del-mercato-delle-materie-prime-cosa-emeglio-fare-2/

 Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini 

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” BDY è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. 

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Google search engine