Error e Horror

0
174

Di Lamberto Colla Parma, 16 gennaio 2022 309° giorno dell’anno 2 dell’era  COVID-19 – domenica

Agli innumerevoli errori iniziali, in parte corretti da un Draghi prima maniera, si è infine giunti a perseverare negli errori di base senza mai indagare su alternative valide, fino a commettere gli orrori di sociali ai quali oggi assistiamo avendo posto gli uni contro gli altri gran parte della popolazione e senza che la immunità di gregge sia stata raggiunta, anzi,  così procedendo non si raggiungerà poiché è impossibile vaccinare 60 milioni di persone in contemporanea. Se a fine estate si era raggiunto oltre il 60% di popolazione vaccinata, con l’avvio della terza dose e la rapida riduzione della valenza delle precedenti inoculazioni, la percentuale “immune” si è notevolmente abbassata.

Infatti, man mano che si procede, pur rapidamente, con le somministrazioni dei farmaci anti covid mRNA, cosiddetti vaccini, nel frattempo sempre più rapidamente decade l’efficacia delle precedenti inoculazioni, passando da 12 mesi di copertura, quindi a 9, poi ancora a 6, infine a 5 e addirittura ora a 4 mesi, la percentuale dei vaccinati  sulla popolazione totale si abbatte anziché alzarsi proprio in ragione del fatto che anche gli inoculati con la seconda dose, dopo 120 giorni tornano a scoprirsi.

Un cane che si morde la coda che ha portato persino l’OMS e l’EMAa dichiarare che non si può pretendere di eseguire un richiamo vaccinale ogni tre mesi (che comincino a vergognarsi del loro operato e che forse una coscienza, seppure un po’ ritardata, ce l’abbiano ancora?). 

Una osservazione logica che avrebbe compreso anche un bambino e che noi abbiamo iniziato sostenere già  dalla scorsa estate, quando iniziavano a girar voci sulla ipotesi della terza dose e in Israele addirittura già si ventilava l’idea della quarta.

Un ORRORE che avrebbe dovuto far immediatamente convocare un pool di scienziati (veri e non farlocchi come quelli propinati dai mainstream, ben poco liberi avendo ricevuto contributisostanziosi e più che raddoppiati in epoca di pandemia ma che saranno addirittura  stabilizzati) per studiare un piano alternativo e integrativo alla vaccinazione con mRNA.

Dalle cure (vedi le monoclonali) in sostituzione del sempre attuale “Tachipirina e vigile attesa” (non si sa bene di cosa!) agli investimenti in vaccini tradizionali (invece di accettare l’aumento del costo di Pfizer di 7€/dose), quelli proteici, che potenzialmente dovrebbero garantire una copertura almeno annuale,  fino a aprire una indagine sui vaccini offerti e garantiti al 97% di copertura per 12 mesi e che invece hanno dato un risultato nettamente inferiore a fronte di un sensibile innalzamento dei costi per dose e al loro moltiplicarsi a tutto favore dei portafogli di quelle fortunate imprese farmaceutiche e dei loro dirigenti.

No, invece ancora si persevera nell’errore, che man mano si tramuta in vero orrore di macelleria sociale.

Di decreto legge in decreto leggesi calpesta la Costituzione e il Parlamento, si introducono ben mascherati elementi restrittivi di economia e finanza (dalla limitazione del contanteai nuovi e macchinosi adempimenti per le collaborazioni occasionali e sugli assegni familiari per cui molte famiglie vedranno ridursi gli appannaggi. 

Ma quanti altri saranno stati introdotti e si evidenzieranno in seguito?

Non contenti ecco che, a cavallo tra i due anni, vengono approvati vari provvedimenti tra i quali un TSO per gli over 50.

Più che un obbligo vaccinale è un vero e proprio TSO (Trattamento Sanitario Obbligatorio) accompagnato da un “ricatto di Stato”, destinato agli over 50enni, senza il quale saranno discriminati dal frequentare vari luoghi, ma soprattutto i posti di lavoro dai quali verranno sospesi, senza stipendio, e infine multati grazie al collegamento diretto tra Green Pass e Agenzia delle Entrate che provvederà al prelievo forzato del denaro.

Insomma dopo i primi e ridicoli errori made by Arcuri & C. come gli inutili e pericolosi banchi a rotelle, gli HUB a “Primula”, le mascherine chirurgiche importate, in ritardo e a suon di provvigioni milionarie destinate a pochi eletti, senza contare del “peccato originale” di essersi affidati a pseudo vaccini, gli mRNA trasportati in camion e sotto scorta dal Belgio per essere distribuiti nelle brevi tratte nazionali per mezzo di aerei (una scenografia cinematografica degna di Spielberg), ecco che nel corso del secondo semestre 2021 si è perseverato negli errori e il 2022 è segnato dalla coerenza perseverante. 

Un accanimento tale che non si può più considerare come un mero “errore di percorso” bensì come un predeterminato disegno politico economico e sociale.

Lo stesso Washington Post, giornale non certamente schierato a destra, ha ipotizzato che in Italia si stia realizzando un esperimento sociale.  

Il quotidiano statunitense, di profonda matrice “liberal” che appoggia con passione Biden e ha osteggiato Trump con ferocia,  parla chiaramente di “Nuovo territorio per una democrazia occidentale” che viene esplorato in Italia con  l’introduzione del Green Pass. Se un’area di “Nuova democrazia” viene esplorata, e questa non deriva da un allargamento della stessa, significa che non siamo già più in una “Democrazia occidentale”, ma in un territorio completamente diverso che democrazia non è più. Il Green pass obbligatorio per viaggiare, per lavorare, per divertirsi, applicato nella nostra estensione, ci spinge, dice il Washington Post, a testare “Quale livello di controllo sia accettabile per la società”. Considerando che le osservazioni del giornale statunitense datano lo scorso ottobre, quale sarebbe la chiosa se l’articolo fosse attualizzato all’epifania 2022 quando è stato introdotto l’obbligo vaccinale ai 50enni e superiori, oltre alla discriminante lavorativa e l’introduzione delle ammende centralizzate attraverso l’Agenzia delle entrate collegata direttamente al certificato verde?

Molto probabilmente troverebbero delle analogie con la grande “democrazia cinese” dove è già in uso il “Sistema di Credito Sociale” .  Il governo cinese  infatti percepisce questo strumento sia come un importante mezzo per regolamentare l’economia, sia come uno strumento per indirizzare il comportamento e le azioni dei propri cittadini.

In conclusione, coloro che oggi godono delle ripercussioni pesanti destinate ai cosiddetti NO VAX (in sempre maggior numero posto che stanno esaurendo la copertura persino le seconde e terze  vaccinazioni), rischiano domani, non dopodomani, di cadere essi stessi nella medesima soffocante rete. 

Giorno dopo giorno le conquiste sociali e di libertà individuali, realizzate a fatica nel secolo scorso, stanno  per essere smantellate a favore di un soggetto collettivo che tutto e tutti vuol controllare. 

Ormai siamo pedine di un gioco. Matrix docet.

———————

LINK consigliati

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sistema_di_credito_sociale

11/1/2022 Video cure domiciliari e numeri ricoversati

http://www.strettoweb.com/2022/01/il-34-dei-positivi-ricoverati-non-e-malato-covid/1290600/

(Fiaso https://www.fiaso.it/News/Comunicati-Stampa/Covid-infezione-non-significa-per-forza-malattia)

https://www.facebook.com/giovanni.norritoiii/videos/998758590854786/?

https://fb.watch/atCV2Z3PMO/

https://www.facebook.com/federicomollicone.it/videos/984442205482536/

Washington Post ott2021

WP: https://www.washingtonpost.com/world/europe/italy-vaccination-mandate-workers/2021/10/15/d1b045e2-2d99-11ec-b17d-985c186de338_story.html

https://www.rainews.it/articoli/2022/01/oms-servono-vaccini-nuovi-non-bastano-i-booster-con-quelli-attuali–1c12a19a-81ac-4998-9e12-caae3ca2fc59.html

https://it.euronews.com/2022/01/11/vaccini-ema-non-possiamo-continuare-con-booster-ogni-3-4-mesi

https://www.gazzettadellemilia.it/economia/item/35255-scompaiono-dal-cedolino-paga-detrazioni-ed-assegno-familiare.html

https://www.gazzettadellemilia.it/economia/item/35184-limite-del-contante-e-nuove-procedure-per-il-lavori-occasionali.html

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2021/12/29/il-finanziamento-pubblico-ai-giornali-e-raddoppiato/6439851/

(per leggere gli altri editoriali clicca QUI)

Google search engine