Italia

SOMMARIO Anno 15 – n° 50 18 Dicembre 2016 –

SOMMARIO Anno 15 – n° 50 18 Dicembre 2016 –

CibusonlineLogos03Editoriale: Buon natale ai bambini di tutte le Aleppo del mondo.  Crollo del latte spot. Parmigiano More →

SOMMARIO Anno 15 – n° 49 11 Dicembre 2016 –

SOMMARIO Anno 15 – n° 49 11 Dicembre 2016 –

CibusonlineLogos04Editoriale: Un messaggio forte e chiaro ma incompreso o inascoltato. In flessione il latte spot mentre le due DOP continuano a volare. L’Italia s’è desta . More →

…nell’esercizio di pubblica minzione!

…nell’esercizio di pubblica minzione!

di Lamberto Colla —

Auguro a tutti i consiglieri regionali di uscire a testa alta dall’indagine della Finanza. Vorrei però vedere in faccia (sempre che ne abbia una da mostrare e che questa sia senza quella tipica fessa verticale) quell’ardito e coraggioso che ha messo a rimborso lo scontrino del bagno pubblico.

Parma, 27 ottobre 2013 –

L’Emilia Romagna conferma la sua tradizione democratica anche nelle circostanze più negative e volgari. Tutti e nove i capigruppo consiliari sono sotto indagine per i rimborsi spese destinati  ai gruppi consiliari e probabilmente utilizzati a diverso scopo.

  • Bruxelles statua bambino che fa pipi_cibusL’indagine – 

L’indagine che ha portato nuovamente in Regione Emilia Romagna i militari della Guardia di Finanza, era partita ad ottobre del 2012 e, fino ad ora, aveva registrato un solo indagato: l’ex capogruppo Idv Paolo Nanni a cui venivano contestati alcuni rimborsi spese per cene, apparizioni televisive a pagamento e convegni non realizzati.

Per tutti l’accusa è di peculato e  riguarderebbe i capigruppo di Pd, Pdl, Idv, Lega Nord, Fds, M5S, Sel, Udc e Gruppo misto. Per i Pm Morena Plazzi e Antonella Scandellari  si ravviserebbe  il reato di appropriazione di denaro pubblico destinato ai singoli gruppi consiliari ma speso non per il loro funzionamento.

Oltre a capire se qualcuno si è appropriato di denaro pubblico per fini personali, i pm vogliono capire se le consulenze e le collaborazioni riguardano il gruppo consiliare oppure, per esempio, il lavoro di militanza del partito al di fuori del lavoro in Regione. Se questo fosse confermato si configurerebbe una sorta di finanziamento illecito ai partiti.

Ovviamente non tutti i capigruppo sono chiamati a rispondere sulle medesime responsabilità e perciò potrebbe anche accadere che qualcuno possa uscire presto dall’indagine, così come è probabile che, dopo il vaglio dei documenti acquisiti, possano invece fare il loro ingresso alcuni consiglieri.

torri rer bo

  • Qualunque sia il risultato la “politica” ha perso un altro pezzo di credibilità – 

Ammettiamo per un momento che l’indagine si concluda con un niente di fatto come è probabile. Ovvero che tutti i documenti di spesa siano stati regolarmente documentati per attività istituzionali e seguendo le norme di corretta rendicontazione.

Nessun reato quindi nessuna pena per alcuno ma l’immagine della politica nostrana crolla ugualmente sotto le suole delle scarpe proprio per ciò che si può evincere dalla lettura degli elementi giustificativi delle spese rimborsate.

Siamo nel pieno di una “tempesta economica  perfetta”.  Le aziende, e con esse i posti di lavoro, saltano come birilli sul biliardo, imprenditori e manovali che, dalla esasperazione e alcune volte mossi da immotivata ma comprensibile vergogna, arrivano addirittura a togliersi la vita. Giovani che vengono sostenuti dalle pensioni dei nonni e  bambini che non possono mangiare alla mensa scolastica perché i genitori non hanno potuto pagarla. Ebbene, a fronte di tutto ciò loro, i politici, sono sempre più ingordi.

Non bastano i lauti compensi, non bastano i più o meno grandi privilegi. No tutto ciò non basta e, presumendo di avere ricevuto una investitura divina, non popolare quindi, si sentono autorizzati a speculare sui 50 centesimi di un bagno pubblico.

Episodio di piccolo conto e perciò ancor più deprimente per chi, anche di quei 50 centesimi, ne avrebbe fatto miglior uso, magari comperando mezzo litro di latte.

L’indignazione sale di pari passo alla sofferenza di ciascuno. Ma l’indignazione collettiva può trasformarsi in un’innesco per una bomba sociale che, dalla sofferenza dei singoli, si trasforma in una rabbia collettiva poi difficilmente controllabile.

Attenzione quindi a non tirare la corda perché un nuovo risorgimento potrebbe essere alle porte. Meglio sarebbe che, preso atto finalmente di una reale e grave situazione sociale del paese, i politici si affiancassero per promuovere una nuova fase rinascimentale.

– La gente comune non riesce più a tollerare oltre. –

Mai come ora si è percepito un così diffuso e trasversale sentimento di distacco e odio verso i partiti e chi li rappresenta. Mai come ora si avverte come il sistema politico sia, a sua volta, lontano dal percepire la realtà economica e sociale in cui il paese versa.

Non c’è invidia nei privilegi o nei lauti compensi ma solo indignazione e rabbia per quelle manifestazioni di supponenza che costoro, troppo spesso, manifestano sfrontati e incuranti del disagio che sta attraversando molti strati sociali della popolazione.

Sempre più spesso il cittadino avverte un senso di oppressione provenire dalle pubbliche amministrazioni con le quali ha quotidianamente da rapportarsi.

Tutti i giorni in molti si pongono l’obiettivo di portare a casa il minimo del sostentamento o quantomeno la speranza che domani sarà un altro giorno e forse “la volta buona che qualcosa di bello accada”.

Ogni giorno le persone normali devono fare i conti con la propria coscienza e con le proprie responsabilità di genitori e lavoratori.

Ogni santo giorno i piccoli commercianti e imprenditori devono lottare per salvaguardare la propria reputazione potenzialmente compromessa da un pagamento non andato a buon fine.

Tutti i giorni siamo testimoni di comportamenti patetici o addirittura delinquenziali degli uomini che, solo per il ruolo che ricoprono, dovrebbero essere dei limpidi esempi per tutti.

Invece coi nostri soldi ci vanno, probabilmente, pure a pisciare.

 

 

Iva 22% – Quanto ci costa

Iva 22% – Quanto ci costa

22_cibus

10 milioni il maggior costo nel primo giorno di applicazione della nuova aliquota IVA.

di Redazione – Roma, 02 ottobre 2013–

Nel primo giorno di applicazione l’aumento dell’aliquota Iva è già costato circa 10 milioni di euro alle famiglie italiane. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sull’entrata in vigore del nuovo regime che fa scattare l’aliquota Iva dal 21 al 22 per cento per numerosi beni. Si tratta di un importo che – sottolinea la Coldiretti – rischia di moltiplicarsi ogni giorno fino a quanto non verranno assunti i provvedimenti annunciati per il contenimento della tassa. Il conto per le famiglie rischia di essere piu’ salato per l’aumento dei prezzi dei carburanti che ha un effetto valanga sull’88 per cento della spesa degli italiani che viaggia su strada. Ad essere colpiti sono  quindi anche i prodotti non direttamente interessati dall’aumento. A preoccupare è di conseguenza in generale – conclude la Coldiretti – l’effetto negativo dell’imposta sul potere di acquisto degli italiani con una riduzione dei consumi che rischia di alimentare la spirale recessiva in cui si trova attualmente il Paese.

Stando allo studio di Coldiretti effettuato sula base di dati Nielsen, l’effetto piu’ evidente dell’aumento dell’aliquota Iva si ha dall’immediato aumento del prezzo della benzina con il 43 per cento degli italiani che usa meno l’auto a dimostrazione del fatto che si compensano i rincari provocati dall’Iva con minori consumi.  L’inflazione a settembre è in calo secondo l’Istat anche perché – sottolinea la Coldiretti il carrello della spesa si svuota con gli italiani hanno tagliato del 4 per cento gli acquisti alimentari. L’innalzamento dell’aliquota Iva dal 21 al 22 per cento sui carburanti avrebbe un effetto valanga sull’88 per cento della spesa degli italiani che viene trasportato su strada con il 68 per cento dei consumatori che taglia sull’abbigliamento, mentre il 57 per cento degli italiani per risparmiare sceglie prodotti piu’ economici nel largo consumo.

(Fonti Coldiretti)

SOMMARIO  Anno 12 – n° 38 23 settembre 13

SOMMARIO Anno 12 – n° 38 23 settembre 13

 

Cibus-NEW-on-line-LOGO-HD-1920x1080_cibus3

SOMMARIO

Anno 12 – n° 38 23 settembre 13

1.1 editoriale

+ IVA – Equitalia

2.1 lattiero caseario

Parmigiano Reggiano, al via i piani produttivi

3.1 export

Frutta italiana negli USA

4.1 export

Olio d’oliva negli USA: ASSITOL, standard di qualità unici

5.1 lattiero caseario

Le due principali DOP confermano i segnali di ripresa

6.1 cereali

Barilla e Regione per ridurre l’effetto serra

7.1 ambiente

Ambiente, Ddl consumo del suolo: riunito primo gruppo di lavoro

8.1 energia

Efficienza energetica nel settore agricolo. Verona dal 9 all’11 ottobre

9.1 salute

Per allungare la vita: dieta, meditazione e esercizio fisico

9,2 eventi

Grandi Marchi al 60° compleanno dei Masters of  Wine

10,1 Vino

Dalla “fusione” il buon vino.

11.1 “BOLLICINE” 

Champagne: -36%  rispetto il 2012