Cereali e dintorni. Buone Feste… nel marasma!

0
249

In tutto questo marasma le difficoltà nel mercato interno non mancano, ma non ne parleremo perché sono sempre le solite. E’ una situazione che si sta cronicizzando.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 22 dicembre 2022 –

Il mercato in pillole: cereali pesanti, specie il mais e il grano prossimi  ad una soglia di resistenza, specialmente quelli di origine nazionale ed EU. Il mais portuale ieri quotava 315€ partenza Ravenna da pronto a marzo ‘23 (quotazione a cui aggiungere le spese di trasporto e spesso di sosta e anche di campionamento per non avere o quasi sorprese). Per i Cruscami di Grano il ridimensionamento dovrebbe quasi essere finito, in quanto gli arrivi dal Sud Italia vanno rarefacendosi per le prossime due settimane e quelli della crusca estera pure. 

Proteici molto elevati specie la farina di soya che ieri quotava 590€ partenza Venezia per la proteica e 580€ per la normale mentre il 2023 quotava 546,50€ partenza Ravenna per 12 mesi. Fibrosi sempre stabili e cari. Sottoprodotti dell’industria del riso fermi, ma le pule e i farinacci in tensione per scarsità di produzione. Melassi stabili, ma potrebbero/dovrebbero ribassare da gennaio (pochi €). Sottoprodotti vari ben tenuti e di difficile reperimento per due motivi: uno inerente alla logistica, l’altro il calo dei volumi e degli sprechi dell’agroindustria. 

In tale frangente chi aveva fatto acquisti con la logica di 1/3+1/3+1/3 sta soffrendo un terzo rispetto ai soliti eterni ribassisti o indecisi, in un mercato come quello che stiamo vivendo il prezzo dovrebbe essere il secondo fattore di scelta e il primo quello della certezza dell’esecuzione della merce, cioè averla! 

Nulla di nuovo per le bioenergie dove la certezza per ora è la carenza di matrici a buon mercato.  

Con l’occasione la O.C.C. porge a tutti tanti cari auguri di un Sereno Natale.

Indici Internazionali al 22 dicembre 2022

L’indice dei noli B.D.Y. è salito a 1.723 punti, il petrolio wti è salito a circa 79 $ al barile, il cambio €/$ gira a 1,064459 ore 08,10. 

Intervista Boggini sulla situazione delle materie prime e delle conseguenze della Guerra in Ucraina:: https://www.ruminantia.it/ucraina-disponibilita-e-prezzi-delle-materie-prime-le-considerazioni-di-mario-boggini/

Vi segnaliamo 3 link interessanti https://youtu.be/dwj32baom5A  

YT – https://youtu.be/Gydsyq4BryM  

Ruminantia – https://www.ruminantia.it/la-tempesta-perfetta-del-mercato-delle-materie-prime-cosa-emeglio-fare-2/

 Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini 

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” BDY è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. 

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Google search engine