Cereali e dintorni. Mercati in ridimensionamento, tranne i cereali

0
1808

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 9 novembre 2021 – I prezzi rilevati alla chiusura del 8 novembre 2021: 

(tra parentesi le variazioni sulla seduta precedente in cent. di dollaro per Bushel per semi corn e grano in Dollari per tonnellata corta per la farina).

La discesa dei noli è principalmente imputabile alle navi identificate come “Cape Size” (grandi dimensioni) che trasportano carbone, minerali, metalli più che alle nostre navi da cereali e farine. 

Mentre sui mercati internazionali compaiono segni di rallentamento/ridimensionamento (fatta eccezione per il grano), dovuti a paure finanziarie (infatti un’altra grande immobiliare è entrata in fibrillazione, la Kasia ha annunciato la sospensione delle quotazioni del suo titolo alla Borsa di Hong Kong. La società ha reso noto che la sua unità finanziaria non ha effettuato un pagamento (su un prodotto di gestione patrimoniale) e prese di profitto. Qui nel nostro mercato questa fase va più a rilento, condizionata principalmente da tre fattori: scarsità di varie merci, logistica, ritenzione alla vendita per i cereali e i semi oleaginosi.  

 il mercato a grandi settori è così suddiviso: 

Cereali: il mais si ridimensiona nel prezzo maggiormente ad Est che non ad Ovest; da segnalare sempre problemi di tossine sia sul nazionale che sull’estero, dove il 2/2000 cioè 2 di afla B1 e 2000 di Don è introvabile se non con svarioni di prezzo che preferisco non riportare. All’opposto si sono creati nuovi standard di mercato: sino a 5 ppb, sino a 10 ppb e persino un 15 ppb.       

(la scorsa settimana si riportava di un affare 1000 ton merce estera reso in Emilia 15 ppb). Sempre in tema mais si segnalano affari? o forse meglio dire quotazioni agosto 21 marzo 22 a ben 260€ partenza Ravenna, l’orzo ben tenuto e grani nella pazzia. 

Cruscami di grano tenero e duro in rialzo. 

Sottoprodotti delle riserie fermi  

Fibrosi tutti ben tenuti, sia sul pronto che sui mesi avanti. 

Proteici in calo, qui merita segnalare che ieri era possibile fissare la far soya sul 2022 e sul 2023 pressoché agli stessi valori 372/3€ ton per la normale e 382/3€ ton per la proteica su 24 mesi 

Seme di cotone in rialzo. 

Biologici anch’essi nella pazzia, e sempre nell’economia della scarsità. 

    Per il mondo dei biodigestori poco o nulla da segnalare se non la scarsità di materiali da indirizzare su questo settore, in quanto molti prodotti quali, sanse secche, bucce d’uva, semole glutinate, farinette, sono state riassorbite dall’industria mangimistica o dalla zootecnia non da latte. 

In definitiva continua il momento difficile per tutti i trasformatori zootecnici.  

INDICI INTERNAZIONALI 9 NOVEMBRE 2021

L’indice dei noli B.D.Y è sceso a 2.718↓↓↓ punti, il petrolio wti gira a circa 82↑↑↑dollari al barile, e il cambio gira a 1,15922 ore 9.08 

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini 

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” BDY è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. 

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale

(per accedere alle notizie sull’argomento clicca qui)

@Pastificio.Andalini #Pastificio.Andalini 

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” BDY è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore. 

Officina Commerciale Commodities srl – Milano

Pastificio Andalini

Google search engine