Elezioni. La “giustizia a orologeria” fa la sua discesa in campo con la rinomata precisione svizzera

0
88

Di Lamberto Colla Parma, 3 ottobre 2021 206° giorno dell’anno 2 dell’era  COVID-19 – domenica

– 

Non è giustizia a orologeria. Da Conte a tutta la parte dell’arco costituzionale di sinistra si è alzato il coro di negazionismo di una certa giustizia ben poco giusta. Una giustizia che affonda la propria lama sulle persone, non solo politici, che danno fastidio a certi protetti.

Una giustizia talebana che dovrebbe far vergognare i tanti togati e ermellini onesti che molto spesso poi nel secondo e terzo grado di giudizio riescono a far riemergere la verità. Ma nel frattempo, chi era sotto accusa, nei 10-15 anni trascorsi sotto le forche caudine, sono rimasti “colpevoli” per tutti e le loro carriere, professionali o politiche che fossero, sono state distrutte così come sono stati incrinati ii loro rapporti sociali e familiari.

Ma la vergogna non è di casa in certi ambienti, la cattiveria e il cinismo, condito da una buona dose di supponenza di chi si ritiene, giustamente, intoccabile, fa il resto e contribuisce a allontanare il popolo dalla pubblica amministrazione e purtroppo dagli amministratori della giustizia.

 Così, mentre è uscito rapidamente di scena il dramma” della Cirinnà, abbandonata in piena estate a fare la “rezdôra maremmana” dalla sua assistente di casa, proprio mentre veniva scoperto che la cuccia del suo cane era il perfetto nascondiglio di una qualche decina di migliaia di euro, ecco che invece, escono scoop giornalistici che riguardano altri importanti politici i cui schieramenti potrebbero far male in alcune città dove si stanno svolgendo le campagne elettorali.

Eclatante il caso di Silvio Berlusconi, da alcuni candidato per il Quirinale, che è stato investito dal processo Rubi Ter con annessa richiesta di perizia psichiatrica

Perizia che, se io fossi nel presidente del CSM farei disporre per togato che ha avuto solo l’idea di proporla.

Poi, in rapida sequenza a meno di una settimana dalla data delle elezioni amministrative ecco emergere puntualmente lo scandalo legista. Uno dei tre più capaci “Spin Doctor” nazionali, quel Luca Morisi che si è inventato la “Bestia” di Salvini, viene posto sotto accusa addirittura per spaccio di stupefacenti. 

Da dramma personale e privato a caso politico  il passaggio si è consumato in un attimo. Così, la notizia già nota da tempo è diventata di dominio pubblico proprio a ridosso delle elezioni.

Nessuna compassione per lui è stato l’edulcorato commento di Selvaggia Lucarelli: “Non ho nessuna compassione per Luca Morisi. Ha passato tutta la sua esistenza ad attaccare le persone”. E lei? Sbaglio o il suo mestiere è il killeraggio personale mascherato da opinionista?

E dulcis in fundo ecco giungere il rinvio a giudizio per traffico di influenze di Tiziano Renzi,  papà di Matteo, che si è palesato lo scorso 27 settembre, a sole 48 ore di distanza dallo scoop di Morisi. 

francesca

E’ invece dell’ultima ora, notizia comparsa proprio in silenzio elettorale, dell’apertura di una indagine della procura milanese, a seguito di un’inchiesta giornalistica di FAN PAGE per la presunta ipotesi di finanziamento illecito ai partiti sulla campagna elettorale per le elezioni di Milano, e che coinvolgerebbe l’europarlamentare e capodelegazione di FdI Carlo Fidanza.

 “Tre anni di giornalista infiltrato per mandare 10 minuti di video in onda nell’ultimo giorno di campagna elettorale per fare sì che stesse sulle prime pagine nel giorno di silenzio elettorale e’ una polpetta avvelenata e in uno stato di diritto non accadrebbe” è stato il commento di Giorgia Meloni riportato dall’agenzia AGI

Ma che sorpresa! Ormai assuefatti dal medesimo film trasmesso in loop, non si riesce più a apprezzare la suspense  (vedi la definizione di Hitchcock) della bomba piazzata sotto il tavolo, sempre quello e sempre con i soliti commensali che attendono pazienti che l’ultimo scoop li investa riempendoli di cacca per il godimento isterico di sdentati sinistroidi incapaci di costruire una casetta con il lego.

In questa italietta politica, si trasforma in notizia politica anche il ritardo dell’aereo della Meloni che non riesce a ricongiungersi con gli alleati confermando perciò, è evidente,  una profonda incrinatura nella monolitica solidità del Centro-Destra.

(Per accedere agli editoriali: clicca il link)

LINK:

https://gazzettadellemilia.it/politica/item/33652-fede-e-coerenza-inossidabile-della-sinistra.html

https://www.ilgiornale.it/news/politica/perizia-psichiatrica-chiesta-berlusconi-eccessiva-e-1976323.html

https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2021/09/30/morisi-salvini-vedo-tanta-omofobia-a-sinistra_e35c806e-bc6a-4db3-99d7-8ca1f74c0cc4.html

https://www.lastampa.it/politica/2021/09/27/news/traffico-d-influenze-il-papa-di-renzi-rinviato-a-giudizio-1.40747608

https://www.agi.it/politica/news/2021-10-02/meloni-amministratrive-fanpage-14050506/

Google search engine