Macchine agricole: anticipare i cambiamenti per non perdere quote di export

0
192

#NOBILI  #Macchine  #exportplanning #Meccagri

By meccagri 1 giugno 2023 – Quali sono oggi i Paesi “vincenti” nel mercato mondiale delle macchine per la meccanizzazione agricola e come si posiziona l’Italia in questo contesto? Al quesito ha risposto ExportPlanning in un interessante Case Study a firma di Alberto Scanziani “L’importanza delle scelte dei mercati esteri: il caso delle macchine agricole dell’Emilia Romagna”, finalizzato a fornire indicazioni per ottimizzare le scelte di mercato con preciso riferimento al recente Bando della Regione Emilia Romagna per il sostegno a progetti di internazionalizzazione delle PMI.

CON LA CRESCITA DELLA DOMANDA MONDIALE È CAMBIATA LA SUA COMPOSIZIONE GEOGRAFICA

Come evidenzia lo studio, dall’inizio di questo secolo la domanda mondiale di macchine agricole ha registrato una costante crescita, passando da un livello inferiore ai 20 miliardi di euro all’inizio del secolo ai quasi 100 miliardi euro raggiunti nel 2022, e ha subito di pari passo un significativo cambiamento nella sua composizione geografica. Più precisamente le quote di importazione dell’UE e del Nord America si sono notevolmente ridotte a vantaggio dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina e anche all’interno delle diverse aree si sono verificate importanti ricomposizioni.

UNA SALDA LEADERSHIP DETENUTA DALLA GERMANIA CHE SI È LASCIATA ALLE SPALLE GLI USA

Andando ad esaminare i cambiamenti intervenuti nella Top 5 dei grandi Paesi esportatori, lo studio, che utilizza come fonte il sistema informativo Export Planning, evidenzia la posizione di leadership attualmente detenuta dalla Germania che, dopo aver conteso per qualche tempo il vertice della classifica agli Stati Uniti, in coincidenza con la Grande Recessione  grazie al progressivo indebolimento degli Usa nello scenario mondiale (basti dire che il saldo della bilancia commerciale degli Stati Uniti relativa alle macchine agricole è passato da un valore positivo di 3.5 miliardi di dollari del 2008 a uno negativo di oltre 5 miliardi nel 2022), si è saldamente ancorata al primo posto lasciandosi gli States alle spalle.

L’ITALIA PERDE TERRENO E VIENE SUPERATA DALLA CINA AL TERZO POSTO

Sempre secondo Export Planning, l’Italia, che fino al 2016 ha vantato la terza posizione, negli ultimi anni è stata superata dalla Cina che, da esportazioni praticamente nulle all’inizio del secolo, ha superato gli 11 miliardi di dollari nel 2022, e minaccia ora la seconda posizione degli Stati Uniti.

Alla luce di questa analisi Germania e Cina risultano Paesi vincenti nel mercato mondiale delle macchine per la meccanizzazione agricola, il primo nella fascia alta e medio-alta del mercato e il secondo nella fascia bassa e medio-bassa, mentre l’Italia non sarebbe stata in grado di inseguire questi due Paesi competitor nell’aumento della quota di domanda mondiale – equivalente ad aumento del fatturato – finendo col perdere posizioni.

Leggi anche >>> FederUnacoma: il Made in Italy volano di crescita per l’agromeccanica sui mercati esteri

L’ESIGENZA DI SAPER COGLIERE IL CAMBIAMENTO DELLE POTENZIALITÀ DEI DIVERSI MERCATI

Anche se le principali classifiche dei Paesi esportatori di macchine agricole non sono pienamente concordi nell’assegnazione della seconda e terza posizione – stando ad esempio a quella contenuta nell’”European Agricultural Machinery Industry – Key Figures 2022” del Cema (il Comitato europeo dei costruttori di macchine agricole) la Cina avrebbe superato seppur di pochissimo gli USA conquistando il secondo posto), restano comunque valide le considerazioni di fondo dell’analisi fatta da ExportPlanning.

Trend delle esportazioni internazionali di macchine agricole (in milioni di dollari) – Fonte: Cema * Per la Cina si è resa necessaria un’estrapolazione per mancanza del dato di dicembre.

Quest’ultima, calata nella più circoscritta realtà del distretto delle macchine agricole di Reggio Emilia e  Modena – in evidente difficoltà in questi ultimi anni nello scenario internazionale (le esportazioni del distretto che nel 2008 rappresentavano oltre i tre quarti dell’export regionale di macchine agricole, sono scese al di sotto del 50%) – vuole avvalorare l’assoluta esigenza, in un mercato mondiale che sta cambiando velocemente, di momenti di analisi aziendale finalizzati a confrontare i mercati presidiati dall’impresa con la mappa dei mercati con le maggiori opportunità e a orientare verso questi ultimi gli investimenti commerciali.

Il Bando per il sostegno a progetti di internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia Romagna, conclude ExportPlanning, rappresenta una preziosa occasione in questa direzione.

Fonte: ExportPlanning

____________________________________________

(Nobili.com)

www.gazzettadellemilia.it e www.cibusonline.net

__________________ Link Utili _______________

Video intervista Ing Montanari EIMA 2023: https://youtu.be/McY4m5RzUoY

Video intervista R&D Nobili: https://youtu.be/2m_QSvZRHow

Nobili 75 anni: https://www.nobili.com/userfiles/News/files/NOBILINEWS_2021.pdf

Google search engine